Il box doccia perfetto: guida alla scelta - Notizie.it
Il box doccia perfetto: guida alla scelta
Casa

Il box doccia perfetto: guida alla scelta

box doccia
box doccia

La realizzazione della doccia è un momento fondamentale nella ristrutturazione del bagno, ma si deve conoscere innanzitutto lo stile da realizzare.

Soluzione box doccia in vetro o in acrilico? Ante fisse o a battente? Queste e molte altre questioni si presentano nella scelta del box doccia, vista la sua importanza è bene informarsi bene prima di procedere alla progettazione e l’installazione quale modello va meglio nella nostra stanza da bagno.
Procediamo passo passo a vedere quali sono i migliori prodotti e materiali per costruire una doccia da sogno, innanzitutto bisogna capire dove verrà installata se avete per esempio un bagno piccolo potreste sfruttare un modello ad angolo, oppure se dovrà chiudere una nicchia. Dopo aver scelto la collocazione possiamo procedere con la scelta della base e cioè del piatto doccia.

Il piatto doccia

La scelta del piatto doccia deve naturalmente essere vincolata allo spazio prescelto per l’installazione del box. Il piatto doccia può avere tre tipologie d’installazione: da appoggio se è rialzato dal pavimento fino a formare un leggero gradino, a incasso se inserito a metà nel massetto presentando un sottilissimo bordo oppure a filo pavimento dove il piatto è completamente incassato e quindi allo stesso livello del pavimento. Per la scelta dei materiali oltre alla ceramica ci sono molti materiali di nuova generazione a base acrilica che garantiscono una maggiore durata nel tempo. Il prodotto più usato al momento per il piatto doccia è la resina, utilizzata soprattutto per le installazioni a filo pavimento.

Il box doccia

Nel momento della scelta del box doccia è importante considerare l’apertura più adatta che non deve essere né ingombrante né difficile da pulire. Le porte per i box doccia sono disponibili in vari modelli ci sono le ante scorrevoli di cui una può essere fissa e l’altra mobile oppure tutte e due mobili. Le porte a saloon sono pratiche da pulire ed hanno l’apertura sia dall’interno che dall’esterno, le porte a soffietto sono pratiche da pulire ed evitano antipatici gocciolamenti sul pavimento. La porta battente è certamente la soluzione di maggiore design soprattutto se abbinata ad un piatto doccia filo pavimento. L’ultimo trend però nel campo dei box doccia è sicuramente il walk in costituito di una sola parete di vetro con almeno un lato scoperto, anche se sembrerebbe scomoda perché si potrebbe pensare che non riesce a contenere l’acqua, questo tipo di installazione assicura una buona tenuta dell’acqua avendo l’accortezza di installare la colonna doccia nel punto più lontano ed opposto al lato aperto.

La scelta delle pareti

I materiali più utilizzati per bagni moderni e di design per le ante sono sicuramente il vetro temperato e il cristallo, non mancano certo soluzioni più economiche che prevedono materiali come il pvc. La scelta migliore per la propria casa dipende certamente dal gusto di ognuno in base anche ai pregi e i difetti di ognuno. Il vetro in cristallo per esempio ha bisogno di attenzioni e cure particolari per proteggerlo dal calcare, mentre il vetro temperato in caso di rottura si frantuma in tanti piccoli pezzi non taglienti e quindi più sicuro di un vetro normale. Ogni soluzione ha i suoi pro ed i suoi contro basta solo scegliere in base al nostro gusto che materiale vogliamo per la realizzazione del bagno dei nostri sogni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche