×

Che tempo che fa, Speranza sulla fine dello stato di emergenza: “Non significa che il virus vada via”

"Il virus non scompare", così il ministro della Salute Roberto Speranza che ha fatto un bilancio a pochi giorni dalla fine dello stato di emergenza.

Speranza stato di emergenza

Mancano ormai pochi giorni alla fine dello stato di emergenza e, a due anni dall’inizio della pandemia, è arrivato il momento di tirare le somme. Ospite nello studio di Fabio Fazio alla trasmissione “Che tempo che fa”, il ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto il punto della situazione spiegando cosa ci attenderà nelle prossime settimane.

Lanciando un monito ha dichiarato: “La fine dello stato d’emergenza non significa che il virus vada via o che la pandemia sia finita”.

Speranza sullo stato di emergenza: “Il virus non scompare”

Il ministro della Salute, durante la sua lunga riflessione ha invitato alla cautela e a procedere con gradualità: “Il virus non scompare e restano una serie di indicazioni, a cominciare dall’uso di mascherine al chiuso. L’obbligo sparirà a maggio? Lo valuteremo nel mese d’aprile, rispetto ad altri paesi abbiamo scelto un approccio più graduale.

Dobbiamo aprirci ad una fase diversa, nei mesi in cui si sta più all’aperto possiamo permetterci una maggiore libertà sempre all’insegna della gradualità”.

Speranza: “Il 91,36% ha fatto almeno una dose di vaccino”

Un’ampia riflessione è stata poi fatta sulle vaccinazioni per le quali è stato tracciato un bilancio positivo: “Usciamo dall’autunno e dall’inverno senza aver fatto chiusure, a differenza di altri paesi. In Italia non è avvenuto perché il 91,36% ha fatto almeno una dose di vaccino, quasi il 90% della popolazione ha fatto 2 dosi.

Oltre 38 milioni di persone hanno fatto anche la dose booster”.

Contents.media
Ultima ora