×

Covid, Francesco Zambon ne è certo: l’Oms “non dirà mai la verità sull’origine”

Covid, Francesco Zambon ne è certo: l’Oms non dirà mai la verità sull’origine "perché non ha potere investigativo e non ha potere sanzionatorio"

Francesco Zambon

Covid, Francesco Zambon ne è certo: l’Oms non dirà mai la verità sull’origine”. E se a dirlo è il funzionario che con il suo report sulla pandemia ha scoperchiato il Vaso di Pandora di governi nazionali e consessi, incluso pare quello italiano, cè quanto meno da riflettere sulle sue parole.

Parole che Zambon ha pronunciato in risposta alle domande di Massimo Giletti nel corso dell’ultima puntata di Non è l’Arena. Giletti ha posto una domanda precisa a Zambon, prendendo psunto dai presunti “silenzi” che sono quasi costati il posto al ministro della Salute Roberto Speranza: “Se hanno censurato qualcosa sull’Italia, è attendibile quello che l’Oms dice sulla Cina dove tutto è nato? Il suo dossier è stato oggetto di tentativi di modifiche, io devo credere in quello che leggo sulla Cina per quanto riguarda l’origine del coronavirus?” 

Covid,  Zambon, il caso Italia e l’Oms

E Zambon non si è certo fatto pregare; d’altronde non è notoriamente persona avvezza alla diplomazia dialettica: “Lei ha ragione a vedere le due vicende paragonate l’una all’altra. Infatti quella dell’Italia, che è un Paese geopoliticamente non così importante sulla sfera sanitaria, ci aiuta a leggere un po’ la situazione cinese”. Poi è andato al core della risposta: “No, io credo che l’Oms non dirà mai la verità sull’origine del virus, stante così la situazione è impossibile che lo faccia perché non ha potere investigativo, non ha potere sanzionatorio.

Abbiamo visto cosa è successo con la missione che c’è stata recentemente in Cina, anche con il rapporto che è uscito con le quattro ipotesi probabili o plausibili sull’origine del virus. Addirittura Tedros stesso è stato costretto a dire che è necessario avere più informazioni per valutare le varie opzioni”. 

Tutte le ipotesi ancora sul tavolo

La spiegazione di chiosa di Zambon fa quanto meno riflettere: “Come sapete c’è un’ipotesi di un passaggio diretto del virus da pipistrello a uomo, poi una seconda ipotesi con ospite intermedio. Ipotesi su cui premerebbe la Cina in cui il virus sarebbe entrato nel Paese attraverso cibi congelati. Poi un’ipotesi giudicata come molto improbabile di un incidente di laboratorio, e tra l’altro a Wuhan ci sono molti laboratori che trattano di coronavirus e quindi è un’ipotesi che rimane in campo”.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora