Cristiano Ronaldo, ecco come si allena anche d'estate
Cristiano Ronaldo, ecco come si allena anche d’estate
Sport

Cristiano Ronaldo, ecco come si allena anche d’estate

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo, ecco come si allena anche d'estate

Il grandissimo campione Cristiano Ronaldo si allena duramente anche d'estate. Ecco i segreti della sua preparazione fisica.

Cristiano Ronaldo è uno dei calciatori più forti al mondo tanto da essere riuscito a vincere ben 5 Palloni d’Oro. Ma il campione portoghese non è solamente un grande calciatore ma anche una vera e propria icona di moda e stile. Proprio per questo motivo viene ammirato e imitato da migliaia di giovanissimi fan. Il segreto del successo di Ronaldo è però solamente uno: il duro allenamento. Il campione portoghese infatti prende raramente momenti di svago e vacanza e si allena duramente anche nel periodo estivo.

Cristiano Ronaldo Day: centinaia di tifosi al J-Medical

L’allenamento di Cristiano Ronaldo

Essere Cristiano Ronaldo (33 anni) è un onore e un onere. Raggiungere il suo livello fisico e tecnico non è facile, ma è ancora più difficile mantenerlo. Non basta essere Cristiano Ronaldo qualche partita, bisogna essere fenomeni tutto l’anno. Nessun momento escluso. Anche in estate, il grande campione portoghese si allena duramente, come se la finale di un’importante trofeo fosse sempre imminente. Solo così si possono ottenere grandi risultati che i campionissimi di tutto il mondo conquistano ogni anno.

In questo video possiamo ammirare la costanza, la dedizione e la passione con cui il campione mantiene il suo meraviglioso fisico.

Davvero un grandissimo professionista, che merita i risultati sportivi fin’ora ottenuti. Dal video non si percepisce solo la forza fisica, ma anche e soprattutto la costanza mentale che gli ha permesso nel corso degli anni di mantenere il proprio fisico sempre al top.

La sua carriera

Cristiano Ronaldo ha vinto moltissimo, spesso da assoluto protagonista. Quando ancora era una giovane (ma già vincente) promessa, CR7 fu voluto da Sir Alex Ferguson nell’estate del 2003. Crebbe molto in fretta, migliorando e affinando la propria tecnica e la propria classe col pallone tra i piedi. È qui che nasce il mito. Al Manchester United vince tre campionati, una Coppa d’Inghilterra, 2 Coppe di Lega, 2 Community Shield, e soprattutto la Champions League nel 2008 e, in seguito, la Coppa del Mondo per club.

L’11 giugno 2009, per 94 milioni, Cristiano Ronaldo giunge al Real Madrid. Qui in Spagna c’è un durissimo avversario, ossia il Barcellona. Da lì ad oggi, il duello tra queste due squadre è diventato sempre più affascinante. Soprattutto è diventato anche Messi contro Cristiano Ronaldo. Difficile dire chi sia migliore dei due, e ogni volta che uno sembra in fase calante, passo poco tempo che smentisce tutti. È una fortuna poter veder giocare questi due fuoriclasse.

Dopo 9 anni al Real Madrid, ora è giocatore della Juventus. A Madrid ha vinto tanto: 2 Lighe spagnole, 2 Coppe di Spagna, 1 Supercoppa di Spagna, e soprattutto 4 Champions League e 2 Coppe del Mondo per club. Le sue prestazioni gli hanno fatto vincere per cinque volte il Pallone d’Oro. Questo elenco è senza dubbio destinato a continuare.

Il segreto del successo

Alla base dei suoi successi c’è proprio il duro allenamento, che gli dà la forza necessaria per reggere una stagione e per essere Cristiano Ronaldo. Deve essere anche un esempio per tutti noi. Ormai CR7 potrebbe staccare, fare altro, rallentare. Ma non lo fa, continua ad allenarsi duramente. Nel nostro campo, seguendo il suo esempio, possiamo migliorarci e diventare anche noi dei numeri uno… o dei numeri 7.

Il futuro alla Juventus

Ronaldo aveva ammesso già da un po’ di volere un sensibile ritocco all’ingaggio per prendere il medesimo salario dei suoi colleghi attaccanti Lionel Messi e Neymar. Il presidente del club spagnolo, Florentino Perez, non sembrava essere molto d’accordo. Così l’ipotesi cessione è diventata realtà. Ora è attaccante della Juventus e guadagnerà 30 milioni a stagione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche