×

Brescia: avvertite due scosse di terremoto all’alba

Nel bresciano due scosse di terremoto a distanza di pochi minuti l'una dall'altra. Sisma è stato avvertito a diversi chilometri dall'epicentro.

terremoto

Due piccole scosse hanno fatto tremare il bresciano. Stando ai dati dell’Ingv, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, un primo terremoto è stato rilevato alle ore 6.59 di martedì 26 febbraio 2019 con epicentro sui monti sopra Gardone Riviera.

La scossa è stata di magnitudo 1.8 ma a questa è seguita, pochi minuti dopo (7:02) un’altra di magnitudo 2.1, con epicentro a Vobarno, sempre in provincia di Brescia. Non si registrano danni a persone o cose.

I Comuni interessati

L’epicentro di queste due scosse di terremoto è stato individuato in una zona che comprende il bacino del Benaco e quello dell’Eridio. Le province interessate dai due sisma sono tre: Brescia, Verona e Trento.

Le regioni coinvolte sono quindi Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige.

I Comuni che potrebbero coinvolti dall’evento sismico, entro 20 chilometri dall’epicentro sono: Vobarno, Roè Volciano, Treviso Bresciano, Gardone Riviera, Toscolano-Maderno, Provaglio Val Sabbia, Salò, Idro, Sabbio Chiese, Capovalle, Barghe, Lavenone, Villanuova sul Clisi, Vestone, Anfo, Gargnano, San Felice del Benaco, Preseglie, Valvestino, Odolo, Puegnago sul Garda, Gavardo, Vallio Terme, Muscoline, Agnosine.

E ancora Magasa, Manerba del Garda, Polpenazze del Garda, Torri del Benaco, Bione, Bondone, Pertica Bassa, Mura, Soiano del Lago, Pertica Alta, Moniga del Garda, Casto, Calvagese della Riviera, San Zeno di Montagna, Prevalle, Tignale, Bagolino, Paitone, Serle, Garda, Caino, Nuvolento, Padenghe sul Garda, Brenzone sul Garda, Costermano sul Garda, Storo, Lodrino e Nuvolera.

Nessun danno

Un bacino quindi che conta circa quasi 161mila abitanti. Sui social qualcuno ha riferito di aver avvertito le scosse di terremoto, soprattutto la seconda con epicentro a Vobarno. Non si registrano per danni a persone o cose.

Contents.media
Ultima ora