Brescia scontro frontale in galleria: muore uno dei feriti
Cronaca

Brescia scontro frontale in galleria: muore uno dei feriti

brescia scontro frontale
brescia scontro frontale

Il 2 luglio scorso era avvenuto uno scontro frontale in galleria: Giuseppina era morta sul colpo e dopo 12 giorni è deceduta anche Caterina.

Il 2 luglio scorso uno scontro frontale nella galleria Capo di Ponte sulla Ss42 del Tonale, in provincia di Brescia, aveva causato la morte di Giuseppina Ghirardi. A poche settimane di distanza il bilancio delle vittime si aggrava: è morta, infatti, anche Caterina Archetti. La donna, di 76 anni, era la moglie dell’Industriale Ennio Franceschetti ed è morta in ospedale dopo 12 giorni di agonia.

Scontro frontale in galleria

Il drammatico episodio risale al 2 luglio scorso: Caterina e il marito, onorario del Gefran di Provaglio d’Iseo si erano scontrati frontalmente con un’auto. Nell’incidente sono rimaste coinvolte altre due persone: Giuseppina Archetti, morta sul colpo, e il marito Aldo Olivieri. Dopo essere rimasta ferita gravemente, Caterina ha combattuto per 12 giorni all’interno dell’ospedale. Poi, però, non ce l’ha fatta. Lo scontro è avvenuto nella galleria Capo di Ponte sulla Ss42 del Tonale, nei pressi di Brescia. Non sono ancora chiare le dinamiche dell’incidente: forse un malore, una disattenzione, uno sbandamento.

Ma la certezza è che la Meriva si è scontrata frontalmente contro i coniugi Franceschetti. A lanciare l’allarme furono alcuni testimoni del violento impatto. I soccorsi sono giunti sul luogo dello scontro in tempi brevissimi e hanno estratto i corpi dalle lamiere. Per Caterina, purtroppo non c’è stato nulla da fare: la donna morì sul colpo. I coniugi Franceschetti, invece, sono stati trasportati in ospedale in codice rosso. Dopo 12 giorni, però, anche Caterina non ce l’ha fatta.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.