×

Fuori dal coro, Feltri sui meridionali: “In molti casi sono inferiori”

Condividi su Facebook

Dure parole da parte del direttore Feltri ai meridionali: per il giornalista bergamasco in molti casi sono inferiori rispetto ai settentrionali.

feltri meridionali inferiori

Non è ignoto ciò che Vittorio Feltri pensa riguardo ai meridionali e nella puntata di Fuori dal coro di martedì 21 aprile 2020 non ha mancato di ribadirlo: il direttore di Libero li ha definiti inferiori rispetto a coloro che vivono al nord.

Immediate le polemiche, tra cui quella di Gennaro De Crescenzo che ha invocato una denuncia penale nei suoi confronti.

Feltri afferma che i meridionali sono inferiori

Il giornalista non ha gradito le affermazioni del governatore campano Vincenzo De Luca in merito alla chiusura della sua regione se il settentrione dovesse riaprire le attività e allentare le misure anti coronavirus. A tal proposito ha ricordato, come fatto anche da Attilio Fontana, che ogni anno circa 14 mila campani si recano nelle strutture della Lombardia per curarsi.

Secondo lui dunque avrebbero “un sentimento di rabbia e invidia nei nostri confronti perché subiscono una sorta di complesso d’inferiorità“. E poi la stoccata finale: dato che lui non crede ai complessi di inferiorità, è arrivato ad affermare direttamente che “in molti casi i meridionali sono inferiori“.

La replica di Gennaro De Crescenzo

Non si sono fatte attendere le reazioni alle parole di Feltri che in poco tempo sono diventate virali. Tra queste spicca quella del docente e giornalista De Crescenzo che ha parlato di istigazione all’odio razziale che necessiterebbe di una denuncia penale. Ha poi invitato tutti a inviare migliaia di mail agli sponsor del programma in questione che ha “ospiti razzisti come Feltri che sputa fango sui meridionali“.

Amareggiato, ha affermato di non voler più acquistare questi prodotti prima di salutare rammaricamente dal suo meridione.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
6 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
fabio filicetti
22 Aprile 2020 08:36

Ma la smettete di farlo parlare in televisione. I suoi pensieri che se li tenga per se visto che sono pensieri di un ignorante e che attaccano una unione in un momento che serve tantissimo ed è molto importante anche in futuro.
Ignorante, una persona della tua età con tutta l’esperienza che ha sulle spalle e la storia che ha vissuto non dovrebbe fare certi discorsi.

Palmisano luigi
22 Aprile 2020 08:50
Risponde a  fabio filicetti

È solo un alcolizzato che non si rende conto di quello che dice

Vincenzo Rinaldi
22 Aprile 2020 08:57

Mi aspetto che le autorità centrali e locali intervengano nei confronti di chi fomenta ODIO DUETTANDO CON I CONDUTTORI DEI PROGRAMMI CIÒ È PREPARATO A Tavolino è DEPLOREVOLE e mi aspetto da MEDIASET un drastico intervento in merito

Lucia Ausiello
22 Aprile 2020 09:23

Sei un giornalaio ti dovrebbero radiare i veri giornalisti si vergognano di un razzista come te vergognati chi ti ha indrottinato fino a questo punto? non sei degno neanche di aprire La bocca lavati bene prima dì parlare del sud falso ideologo demente te e quelli che pensano come te, il tuo posto ideale è la stalla,

giogen
23 Aprile 2020 20:42

Caro Giordano forse non hai bisogno di leccare il culo a un direttore come Feltri, polentone rimbambito e razzista. Come opinionista non dovrebbe stare nel “Fuori dal coro” ma fuori dalla “palle”. Si diverte a farsi odiare e può solo fare sorridere !

Riccardo Nicotra
28 Aprile 2020 12:10

<>…? Nostri confronti, ma di chi? Esplicitare prego! Già con questa frase, lui crea un gruppo e ragiona per loro e decide per loro e si ci mette dentro, come portavoce. Fra un po’ stringeremo la mano a ET, ma ancora in giro si portano avanti codeste corbellerie tribali? Comunque sia, è reato, istigazione all’odio razziale, fatte in un un consesso piu’ che ampio, e non un fuori onda casuale, fra 2 soggetti “in poco pausa”, con l’aggravante di trasmissione attraverso mass media e quindi di un pubblico di numero indefinibile e certamente non ristretto, in una società democratica, con… Leggi il resto »


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.