×

Fase 2, dal 4 maggio 700 mila persone sui mezzi pubblici: le 10 regole

700 mila persone prenderanno i mezzi pubblici a partire dal 4 maggio: con l'avvio della fase 2 occorrerà rispettare 10 regole.

fase 2 mezzi pubblici
fase 2 mezzi pubblici

Dal 4 maggio – quando prenderà il via la fase 2 di convivenza con il coronavirus – saranno 700 mila le persone che prenderanno i mezzi pubblici. Per evitare la diffusione del contagio, quindi, è importante tenere ben presenti 10 regole. L’Istituto Superiore di Sanità e l’Inail hanno redatto un documento per predisporre la riorganizzazione del trasporto pubblico alla luce della sicurezza dei cittadini.

Fase 2, regole sui mezzi pubblici

Oltre a indicare quante persone – stimate – potrebbero spostarsi sui mezzi pubblici dal 4 maggio (durante la fase 2), Iss e Inail hanno disposto 10 regole da rispettare per viaggiare in sicurezza.

  1. Non usare il trasporto pubblico se hai sintomi di infezioni respiratorie acute (febbre, tosse, raffreddore).
  2. Utilizza i mezzi di trasporto pubblico collettivo nei casi necessari, ad esempio per recarti al lavoro.
  3. Prediligi forme alternative di spostamento ove possibile, come camminare o andare in bicicletta.
  4. Acquista, ove possibile, i biglietti in formato elettronico, online o tramite app.
  5. Durante tutta la tua esperienza di viaggio igienizza frequentemente le mani, anche utilizzando gli appositi dispenser, ed evita di toccarti il viso.
  6. Segui la segnaletica e i percorsi indicati all’interno delle stazioni o alle fermate mantenendo sempre la distanza di almeno un metro dalle altre persone.
  7. Utilizza correttamente le porte dei mezzi indicate per la salita e la discesa, rispettando sempre la distanza di sicurezza.
  8. Siediti solo nei posti consentiti mantenendo il distanziamento dagli altri occupanti.
  9. Evita di avvicinarti o di chiedere informazioni al conducente.
  10. È necessario indossare una mascherina, anche di stoffa, per la protezione del naso e della bocca.

Gli orari di punta

Secondo il rapporto stilato da Inail e Iss vi sarebbero alcuni orari di punta critici per l’assembramento che potrebbero provocare. In particolare, la fascia mattutina dalle ore 7:20 alle ore 10 e quella serale dopo le ore 18. Per tale motivo potrebbero essere predisposti orari differenziati per negozi e uffici, in modo da evitare che troppe persone si affollino su bus e metropolitane. Viene infine incoraggiato l’utilizzo di mezzi per una mobilità sostenibile.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora