×

Fase 2, denuncia di Confturismo: “Vacanze? Italiani non hanno voglia”

Fase 2, la denuncia di Confturismo evidenzia come gli italiani non stiano pensando attualmente alle vacanze.

fase-2-vacanze-italiani
Fase 2 vacanze: secondo un'indagine di Confturismo gli italiani non pensano alle ferie

Nonostante si continui a parlare di vacanze durante la fase 2, secondo la denuncia di Confturismo gli italiani stanno pensando a tutt’altro in questo momento. L’associazione di categoria evidenzia come il calo dei contagi e l’inizio della Fase 2, non comporti una voglia di vacanze per gli italiani.

L’indagine di Confturismo-Confcommercio spiega come aumenta la quota di chi, al termine dell’emergenza, rimanderà la vacanza anche potendola fare. Le prime uscite post Covid-19 saranno, infatti, di pochi giorni e vicino alla propria città, con l’obiettivo di stare il più possibile all’aria aperta. Gli italiani preoccupati per l’emergenza a marzo erano l’86%, ad aprile sono diventati l’80%. Più della metà degli intervistati, il 57%, dichiara che, anche dopo la fine dell’emergenza, non si muoverà per fare una vacanza, a marzo era il 53%; il 32% dichiara che farà vacanze, ma di 2 o 3 giorni e senza allontanarsi troppo.

Fase 2 vacanze: l’indagine di Confturismo

Per quanto concerne la fase 2 e le vacanze, secondo l’indagine di Confturismo le vacanze degli italiani assomigliano ai cosiddetti “short break” di mezza stagione, con un impatto molto più ridotto sui consumi.

Solo il 20% vorrebbe fare le valigie appena l’emergenza sanitaria sarà conclusa, il 15% è incerto per le disponibilità economiche, l’8% non sa se potrà farlo per le ferie e impegni lavorativi. Crolla il desiderio di fare shopping o comprare regali in vacanza, probabilmente legato al timore di frequentare contesti urbani, ma certamente connesso anche alla crisi economica percepita. Solo il 7% degli intervistati lo mette tra gli obiettivi mentre lo scorso anno, sempre ad aprile, lo era per il 22%.

Una situazione che rischia di compromettere definitivamente il settore del turismo e di conseguenza anche commercio, trasporti locali, cultura e decine di altri settori. “In questa situazione – secondo Luca Patanè, presidente di Confturismo – non intervenire subito e con strumenti efficaci a supporto delle attività del settore e dei consumi, con una manovra sincronizzata su più fronti, vuole dire negare i fondamentali dell’economia e non avere assolutamente chiaro quali sono davvero i settori strategici nel nostro sistema Paese”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora