> > Due ciclisti investiti da un'auto a Catania: morto professore 57enne, grave l...

Due ciclisti investiti da un'auto a Catania: morto professore 57enne, grave l'amico

due ciclisti investiti

Catania, incidente mortale sulla strada statale 114, due ciclisti investiti da un auto: muore professore di 57 anni, grave l'amico

Alfredo Floridia, 57 anni, è la vittima di un drammatico incidente avvenuto sulla statale 114 a Catania.

L’uomo, ingegnere e docente di matematica ai “Licei Vittorini-Gorgia” di Lentini è stato travolto ed ucciso da un’auto mentre si trovava con un amico. I due stavano percorrendo la strada “Orientale Sicula” Messina-Siracusa

Sul luogo dell’incidente si sono precipitate le ambulanze del 118 insieme agli agenti della polizia municipale di Catania. Per Floridia non c’è stato niente da fare: l’uomo è morto sul colpo a causa dell’impatto violento con la macchina.

L’amico, invece, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale “Cannizaro” di Catania in condizioni gravi

Alfredo Floridia lascia la moglie e tre figlie. Da anni era appassionato di bicicletta. L’uomo era stimato da colleghi ed alunni che ne hanno esaltato la disponibilità e la devozione verso l’insegnamento. Gli amici e la comunità accademica hanno inviato moltissimi messaggi di cordoglio, sconvolti per l’accaduto.

Due ciclisti investiti: la statale sotto accusa

Insieme alla tristezza c’è anche tanta indignazione: gli attivisti di “Lungomare Liberato”, un gruppo di cittadini che si batte per il miglioramento della vivibilità della zona catanese e delle sue infrastrutture locali ha lasciato un messaggio su Facebook contro le istituzioni locali:

“Fa rabbia pensare che in quel tratto, da anni è prevista e finanziata la ciclabile Eurovelo 7 che avrebbe messo in sicurezza Alfredo dal traffico. Chiediamo per l’ennesima volta che le istituzioni si sbrighino a realizzare questa importante infrastruttura per tutelare la vita dei cittadini.

Non si può morire così. Questo è il secondo ciclista morto nel Comune di Catania in un anno e mezzo”.

LEGGI ANCHE: