×

I regali di Natale non desiderati comportano uno spreco di 25 miliardi

I regali di Natale non desiderati causerebbero uno spreco di denaro pari a 25 miliardi l'anno: come riciclarli?

Crisi regali natalizi
Un italiano su quattro non farà regali di Natale a causa della pandemia

Stando ai dati riportati da Censuswide quasi la metà delle persone riceve regali di Natale non desiderati e rimane delusa da quanto donatogli. Una situazione che comporta non solo perdite di denaro consistenti ma anche danni per l’ambiente dato che molti degli oggetti non graditi finiscono in discarica.

Regali di Natale non desiderati

Circa il 46% delle persone ogni anno resterebbe delusa dai regali ricevuti per Natale. Secondo l’economista americano Joel Waldfogel, che sostiene che la festività in questione sia un enorme spreco e ha condotto delle ricerche su questo, i doni comporterebbero una perdita di valore monetario compresa fra il 10% e un terzo della somma spesa per comprarli. Questo perché quello che viene pagato da chi dona non è quanto spenderebbe chi riceve.

Contando poi la percentuale di individui che non gradisce ciò che viene loro regalato, si stima che lo spreco per i regali indesiderati valga circa 25 miliardi di dollari l’anno in tutto il mondo. Una cifra enorme che si aggiunge al problema ambientale già citato. Il rischio più alto si corre in tutti quei casi in cui si si sente in dovere di fare dei regali anche se non sentiti e non si conoscono i gusti del destinatario.

Solitamente si va dunque su oggetti generici che nella maggior parte dei casi risultano inutili o non graditi.

Cosa fare dei regali non graditi?

Per evitare sprechi il consiglio è quello di riutilizzarlo riciclandolo per altre occasioni (pratica in uso dal 20% degli italiani) oppure donarlo a parenti/amici che potrebbero apprezzarlo. Si può inoltre restituirlo al negozio cambiandolo o chiedendo un buono da spendere successivamente (in Italia lo fa il 20%) oppure, come fa l’11%, rivenderlo su Internet.

Contents.media
Ultima ora