×

La vongola di 507 anni in grado di spiegare i cambiamenti climatici

Non era una vongola qualsiasi, ancora oggi è l'animale individuale più longevo mai scoperto. Il suo guscio potrebbe custodire grandi segreti.

vongola 507 anni

Ming the Clam (Ming la Vongola) aveva 507 anni. Per tutta la sua vita ha vissuto sul fondo dell’oceano mentre sulla terra gli anni passavano e il mondo, inevitabilmente, cambiava. Nel 2006, un team di scienziati britannici era impegnato in una missione di accertamento al largo delle coste dell’Islanda, nell’ambito di uno studio per scoprire gli effetti del cambiamento climatico. Ming è stata raccolta con altri esemplari dopo aver dragato il fondo marino.

Nata lo stesso anno della Gioconda

Stando a quanto riportato da thevintagenews.com, gli scienziati hanno aperto la vongola, uccidendola. Più tardi scoprirono che Ming aveva 507 anni e potenzialmente era dei più antichi animali viventi sulla Terra. Ming the Clam infatti era nata nel 1499: questo fa di lei ancora oggi, il più vecchio animale non coloniale mai scoperto.

Nell’anno in cui nacque, Leonardo Da Vinci dipingeva la Gioconda e il re dei Tudor Enrico VII era seduto sul trono d’Inghilterra. Fu chiamata Ming in onore della dinastia che regnava in Cina all’epoca della sua nascita.

L’età di Ming è stata calcolata contando gli anelli annuali di crescita sul suo guscio. Ironico che ad ucciderla siano stati proprio gli scienziati che stavano cercando di scoprire la sua età. Ma la morte di Ming potrebbe non essere del tutto vana. Gli scienziati, analizzando gli anelli di crescita sul suo guscio, potrebbero scoprire i segreti della lunga vita e comprendere gli effetti a lungo termine del cambiamento climatico vicino all’Artico.

Gli scienziati potrebbero quindi trovare indizi in grado di farci capire come e perchè alcune creature siano in grado di resistere agli effetti negativi dell’invecchiamento.

Questo potrebbe aprire la strada a scoperte che aiuteranno le persone a vivere più a lungo.

I segreti degli anelli del guscio

I dati del guscio di Ming hanno anche aiutato gli scienziati a comprendere l’impatto dei cambiamenti climatici sulla vita marina. Le vongole, infatti, sarebbero in grado di fornire informazioni sulle condizioni marine, poiché ogni crescita annuale dell’anello immagazzina informazioni sull’ambiente e sull’atmosfera in cui vivevano.

Esaminando ciascun anello, gli scienziati sarebbero in grado di ricostruire le temperature storiche del mare e le condizioni climatiche. L’analisi di Ming, e le altre vongole nel campione, ha dimostrato che i cambiamenti nell’atmosfera del mondo dall’inizio della rivoluzione industriale stanno guidando cambiamenti nelle temperature e nelle correnti del mare. Queste importanti scoperte aiutano a comprendere meglio gli effetti dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo.


Nato a Magenta (MI), classe 1984, è laureato magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per ChiliTV, That's All Trends e Ultima Voce.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Alberto Pastori

Nato a Magenta (MI), classe 1984, è laureato magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per ChiliTV, That's All Trends e Ultima Voce.

Leggi anche