×

Bimba si lava i denti e muore, la mamma: “Colpa del dentifricio”

Il dentista le prescrive un nuovo dentifricio e la mamma non si accorge che contiene una proteina del latte. La bimba muore per shock anafilattico.

dentifricio

Tragedia in West Covina, in California. Una bambina di 11 anni, Denise Saldate, è morta a causa di uno shock anafilattico accusato mentre si stava lavando i denti con un nuovo dentifricio. I genitori della bambina hanno scoperto che la loro figlia era allergica ai latticini da quando aveva un anno. Da allora la mamma, Monica Altamirano, ha sempre controllato le etichette per capire se alimenti o altri prodotti potessero contenere tracce di latte. Sempre, tranne una volta.

Dentifricio mortale

Monica Altamirano racconta di non aver pensato di controllare il nuovo dentifricio della figlia perché le era stato prescritto dal dentista di Denise, per rinforzarle lo smalto. La donna spiega al Daily Mail di aver sempre letto gli ingredienti dei dentifrici ma di non aver mai trovato alcun riferimento al latte.

Dopo la tragedia, invece, ha scoperto che conteneva una proteina derivata dal latte delle mucche.

Il 4 aprile Denise è andata in bagno per lavarsi i denti come ogni sera, in compagnia della sorella 15enne. Dopo pochi minuti quest’ultima è uscita di corsa piangendo, cercando la madre. Quando la donna ha soccorso Denise, questa ha avuto solo il tempo di dirle: “Penso di avere una reazione allergica al dentifricio“. Poi le labbra della ragazzina cominciarono a farsi blu.

In attesa dei soccorsi Monica Altamirano ha tentato di aiutare la figlia utilizzando l’EpiPen (un autoiniettore di epinefrina) e applicandole l’inalatore per l’asma. Quando i paramedici sono giunti sul posto, però, la situazione era già disperata. Dopo aver tentato di rianimare l’11enne, Denise è stata trasportata in ospedale.

Dopo due giorni di agonia, però, è morta.

I pericoli dell’anafilassi

I genitori della ragazzina hanno deciso di raccontare questa storia ai media per tenere alta l’attenzione sui pericoli da anafilassi ed esortano le famiglie che hanno figli con allergie a leggere sempre tutto. “Non sentitevi più sicuri solo perché avete gestito questa patologia per diversi anni”, sottolineano.

Inoltre, vogliono battersi per chiedere che i dentisti si sincerino sempre delle eventuali allergie dei loro pazienti prima di prescrivere un prodotto, anche se può sembrare un banale dentifricio.


Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Paola Marras

Nata a Roma, classe 1981. Ha scritto sul web per testate e blog e collabora con Notizie.it .

Leggi anche