×

Sri Lanka, l’Isis rivendica gli attentati: vendetta per Christchurch

Secondo il premier, c'è il rischio di nuovi attacchi nel Paese. Continua a salire il bilancio delle vittime: i morti sono almeno 359.

Sri Lanka Isis
Sri Lanka Isis

A qualche giorno dagli attentati della Pasqua di sangue, l’Isis ha rivendicato gli attacchi in Sri Lanka contro chiese e alberghi internazionali, si apprende dall’Ansa. La notizia è stata diffusa tramite Amaq, l’agenzia stampa dello Stato islamico, che non ha però fornito alcuna prova del coinvolgimento diretto del Califfato nelle esplosioni. Secondo quanto dichiarato dal ministro della Difesa, Ruwan Wickremesinghe, gli attentati sarebbero stati una forma di vendetta e rappresaglia contro la comunità cristiana per la strage delle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda.

Il ruolo dell’Isis

Resta ancora incerto l’esatto ruolo che l’Isis avrebbe giocato negli attentati a Colombo. La dichiarazione appare infatti come una rivendicazione generica, una strategia spesso adottata dal Califfato per attribuire ai propri combattenti episodi i cui reali responsabili appaiono difficilmente individuabili.

Ma, secondo alcuni osservatori internazionali, ci sarebbero alcuni indizi che avvalorano la tesi della “regia” dello Stato islamico dietro le bombe in Sri Lanka. Primo fra tutti, la diffusione della foto di un uomo descritto come il leader dei kamikaze. Sono state pubblicate anche le immagini di altri sei uomini legati alla strage della “Festa degli infedeli“, come è stata definita la Pasqua cristiana. Di ognuno di loro è stato reso noto il nome di battaglia, così come la dislocazione durante gli attentati.

Il ministro Wickremesinghe ha confermato la possibilità che gli jihadisti del National Thowheed Jamath abbiano legami sia con l’Isis che con un altro gruppo a matrice islamica, il Jammiyathul Millathu Ibrahim. Resta alta l’allerta in tutto il Paese. Secondo il primo ministro Ranil Wickremesinghe, riporta Tgcom24, c’è il rischio di nuovi attacchi.


Almeno 359 morti

Continua a salire il bilancio delle vittime della strage di Pasqua.

Secondo quanto riportato nelle ultime stime ufficiali, i morti sarebbero almeno 359. Il numero è stato diffuso dalla polizia, che ha inoltre comunicato l’arresto di altri 18 sospetti. Sale dunque a 58 il numero di persone fermate perché sospettate di coinvolgimento degli attentati.

Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.


Contatti:

Contatti:
Lisa Pendezza

Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.

Leggi anche