×

Gaetano Ferraiuolo torna a camminare: aveva perso le gambe in una sparatoria nel traffico

Gaetano Ferraiuolo, che aveva perso le gambe in una sparatoria nel traffico, è tornato a camminare. Un momento davvero emozionante.

Gaetano Ferraiuolo

Gaetano Ferraiuolo, che aveva perso le gambe in una sparatoria nel traffico, è tornato a camminare. Un momento davvero emozionante. 

Gaetano Ferraiuolo torna a camminare: aveva perso le gambe in una sparatoria nel traffico

Gaetano Barbuto Ferraiuolo era rimasto ferito alle gambe durante una sparatoria nata a causa di una lite per il traffico. Le ferite erano molto gravi, tanto che il giovane aveva dovuto subire l’amputazione degli arti inferiori. Oggi, dopo le protesi installate e un lungo percorso di riabilitazione, finalmente Gaetano è tornato a camminare. In un prossimo futuro potrebbe ricevere le gambe bioniche. 

Gaetano Ferraiuolo torna a camminare: “Chiedo giustizia”

Gaetano è molto felice di questo importante avvenimento, ma continua a chiedere giustizia.

Le persone ed i miei vecchi amici mi hanno tanto deluso. Ringrazio Dio, la mia famiglia e i medici, ma ora chiedo giustizia” ha dichiarato. Gaetano è intervenuto in una diretta del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e ha raccontato la sua storia. Ha spiegato che il suo obiettivo finale è quello di “tornare a lavorare” ed essere “finalmente autosufficiente“. 

Gaetano Ferraiuolo torna a camminare: la vicenda

Tutto è accaduto il 21 settembre 2020, quando il 21enne era in auto con un amico.

Per cause banali, come il traffico, ha avuto una discussione con quattro giovani a bordo di un’altra auto. Poco dopo i quattro li hanno raggiunti su corso Europa a Sant’Antimo e li hanno fatti scendere dall’auto. L’obiettivo era Gaetano, perché li aveva offesi per una mancata precedenza. Il giovane è stato colpito alla testa con il calcio di una pistola e colpito da sette colpi alle gambe.

I medici hanno dovuto amputarle per salvargli la vita. I responsabili non sono mai stati trovati. 

Contents.media
Ultima ora