×

Il dramma di Valeriia Maksetska e la madre Irina, uccise da un carrarmato russo

Valeriia Maksetska era rimasta in Ucraina per curare la madre malata, ma le due donne sono state colpite mentre erano in auto.

Valeriia Maksetska

Un nuovo dramma arriva dall’Ucraina, da giorni costantemente attaccata dalle forze russe. A pagare con la vita questa volta sono state Valeriia Maksetska e la madre Irina, uccise in un villagio poco distante da Kiev.

Valeriia Maksetska era rimasta in Ucraina per curare la madre Irina

Valeriia Maksetska, medico di 31 anni, aveva deciso di non lasciare l’Ucraina per accudire la madre malata, come riportato dal New York Post. Mercoledì 9 marzo 2022, però, le due donne sono state colpite da un carrarmato russo mentre si trovavano in auto.

Valeriia e Irina sono state colpite mentre erano in auto

Valeriia e Irina erano in viaggio per reperire le medicine a loro necessarie, quando sarebbero state fermate a un posto di blocco russo a causa del passaggio di un convoglio di mezzi corazzati.

Uno di questi avrebbe però fatto fuoco contro l’auto, uccidendo le due donne.

“Valeriia combatteva la disinformazione”

A confermare la notizia della morte del medico e della madre Samantha Power, direttrice della US Agency for International Development (USAID).

“Sono immensamente triste nell’annunciare la morte di Valeriia ‘Lera’ Maksetska, un’orgogliosa ucraina, amata partner esecutivo dell’USAID e una compassionevole leader nella costruzione di una coesione sociale e nel combattere la disinformazione“, ha scritto Power su Twitter.

Contents.media
Ultima ora