Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Sabrina Ferilli: divieto di avvicinamento per lo stalker
Lifestyle

Sabrina Ferilli: divieto di avvicinamento per lo stalker

Sabrina Ferilli

Un 68enne che diceva "di agire per conto dei marziani" ha perseguitato Sabrina Ferilli per anni. Ora gli è stato imposto il divieto di avvicinamento.

Per Sabrina Ferilli dovrebbe essere finito un incubo. Per anni un fan ha perseguitato l’attrice seguendola ovunque andasse. Una volta ha tentato di bloccarla anche sotto casa. Il gip ha così accolto la richiesta della Procura di Roma imponendo all’uomo, di 68 anni, il divieto di avvicinamento e di contatto con la persona offesa.

Lo stalker che agiva per conto dei marziani

Seguiva ovunque Sabrina Ferilli sostenendo “di agire per conto dei marziani e di entità superiori per assicurare la prosecuzione della razza“. Una spiegazione che evidentemente non ha convinto il gip, che ha disposto così per un 68enne romano il divieto di avvicinamento e di contatto con l’attrice.

Questo particolare corteggiamento durava ormai da 10 anni, come racconta repubblica.it, e alla fine Sabrina Ferilli si è decisa di denunciare Carlo N. per atti persecutori. Lo stalker seguiva l’attrice ovunque andasse, sui set, negli studi televisivi e addirittura sotto casa.

L’uomo ovviamente non mancava di inviare alla Ferilli regali e lettere ed è in alcune di queste che spiegava di essere mosso dagli “alieni”.

La deposizione in Procura

Un comportamento questo che ha spaventato l’attrice, ascoltata giovedì 14 febbraio in Procura dal pubblico ministero Daniela Cento.

La deposizione dell’attrice sarebbe durata almeno un paio d’ore, durante la quale Sabrina Ferilli ha sottolineato come a causa del 68enne sia stata costretta anche a modificare parte del suo stile di vita per evitare di incrociarlo.

Il gip di Roma, consultati gli atti, ha così deciso per la misura cautelare imponendo all’uomo il divieto di avvicinamento e di contatto con la persona offesa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche