×

Scontro Italia-Francia, l’ambasciatore torna a Roma

La Francia ha annunciato che l'ambasciatore Christian Masset farà ritorno a Roma in giornata: "Siamo Paesi amici, lavoriamo insieme".

francia ambasciatore torna a roma 768x426

Si smorza la tensione tra Italia e Francia. La ministra francese per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, ha annunciato ai microfoni di RTL che l’ambasciatore Christian Masset “riparte oggi per Roma”. Un traguardo che è stato possibile raggiungere grazie a un’attenta azione diplomatica da parte del Presidente della Repubblica.

La Loiseau ha dichiarato che “Mattarella ha telefonato a Macron. I presidenti si sono parlati, hanno ribadito quanto sia importante l’amicizia tra Francia e Italia. Abbiamo ascoltato dei leader politici, che si erano lasciati andare a parole o comportamenti francamente non amichevoli e inaccettabili, mostrare rammarico”.

Il rientro dell’ambasciatore a Roma

Il passo indietro compiuto dai due vicepremier sarebbe stato fondamentale per la distensione dei rapporti tra i due Paesi.

“Abbiamo udito Salvini dire che non voleva una guerra con la Francia”, ha continuato la ministra. “E abbiamo sentito Di Maio dire cose complicate, ma era stato lui a mettersi da solo in una situazione complicata. Credo che gli italiani abbiano bisogno della Francia, quindi lavoriamo insieme“.

La notizia del rientro dell’ambasciatore era stata anticipata al Corriere della Sera dal ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian. Durante l’intervista, Le Drian ha ribadito che Roma e Parigi sono “vicini, amici e alleati da molto tempo.

Se abbiamo deciso di richiamare a Parigi il nostro ambasciatore è precisamente perché questa relazione, a cui teniamo tanto, era stata messa in discussione. L’iniziativa del vicepremier Luigi Di Maio è stato l’episodio di troppo“. Il ministro aveva poi annunciato che “il ritorno del nostro ambasciatore avverrà molto presto. Abbiamo dei disaccordi, ma possiamo comunque avere una cooperazione leale, rispettosa di entrambi i Paesi”.

Contents.media
Ultima ora