×

Stadio Roma, Raggi indagata per l’esposto di un architetto ex 5S

L'accusa è abuso di ufficio. Il pm aveva chiesto l'archiviazione per la sindaca, ma il gip non l'ha accolta

stadio Roma
stadio Roma

La maledizione dello Stadio della Roma si abbatte di nuovo sul Campidoglio. La vicenda De Vito sembrava ormai superata, ma per Virginia Raggi non è ancora detta l’ultima parola. La sindaca di Roma, infatti, è indagata per abuso d’ufficio. La procura aveva chiesto l’archiviazione, la prima cittadina era convinta che anche questa storia fosse alle spalle. Ma il giudice non ha concesso alcuna archiviazione: servono altre indagini.

Stadio Roma, Virginia Raggi indagata

A innescare le nuove indagini volute dal giudice è stato l’esposto dell’architetto Francesco Sanvitto, gillino deluso. L’ex esponente del M5S ha presentato a giugno scorso una denuncia contro il sindaco di Roma, nel mirino di critiche e polemiche. Così viene messa sotto inchiesta la procedura che il Campidoglio ha seguito per dare visibilità al progetto per il nuovo stadio della Roma, informa Il Giornale.

Il progetto non è mai passato dal Consiglio Comunale ed è approdato immediatamente all’albo pretorio, con l’approvazione da parte della Giunta. Questo mancato passaggio ha costituito “un vantaggio in capo a un soggetto privato, la società Eurnova s.r.l. di Luca Parnasi”, si legge nella denuncia riportata da Il Giornale.

Adesso il giudice ha dato indicazioni per un “approfondimento della sussistenza e delle eventuali ragioni evidente violenze di legge nel mancato coinvolgimento nel procedimento amministrativo del Consiglio Comunale”. Nei prossimi 60 giorni dovranno essere portate avanti le nuove indagini chieste dal giudice.

Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.


Contatti:

Contatti:
Asia Angaroni

Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.

Leggi anche