×

Coronavirus, Silvio Berlusconi rimarrà in ospedale per 10 giorni

Silvio Berlusconi rimarrà in ospedale per almeno una decina di giorni. L’ex Veronica Lario ha dichiarato di essere preoccupata per la situazione.

Coronavirus Berlusconi ospedale
Coronavirus Berlusconi ospedale

Berlusconi rimarrà in ospedale per circa una decina di giorni. Il cavaliere era giunto al San Raffaele di Milano per via di una polmonite bilaterale precoce in seguito all’esito positivo del tampone al Coronavirus. Silvio Berlusconi lo scorso mese era stato in vacanza in Sardegna dove tra l’altro aveva ospitato Flavio Briatore nella sua villa anche lui risultato positivo al Coronavirus e ora in isolamento domiciliare.

Anche i due figli minori dell’ex premier Luigi e Barbara sono risultati positivi al tampone. L’ex moglie Veronica Lario aveva dichiarato a questo proposito di essere addolorata e anche un po’ preoccupata per la vicenda.

Coronavirus, Berlusconi rimane in ospedale

“Sono addolorata e anche un po’ preoccupata”, ha fatto sapere l’ex moglie Veronica Lario in un’intervista al quotidiano La Repubblica. Per lei infatti sono stati dei giorni difficili, anche i figli avuti da Silvio Berlusconi Barbara e Luigi sono risultati positivi al Coronavirus.

Le condizioni di Silvio Berlusconi non sono comunque allarmanti ha dichiarato il medico curante del cavaliere Alberto Zangrillo. Non è intubato, ma attualmente si trova in isolamento nel reparto solventi del San Raffaele. Zangrillo però ha anche specificato che si tratta pur sempre di un paziente a rischio, non solo per l’età avanzata ma anche per le patologie pregresse. Nel frattempo alle ore 16 sarà reso noto il bollettino di salute del cavaliere.

In una nota dello staff di Berlusconi si legge infine: “Pur comprendendo le legittime ragioni della stampa, si invita ad avere rispetto della privacy del Presidente anche per evitare notizie avventate, imprecise e allarmistiche. Ogni altra ricostruzione e ogni altro dettaglio letto in queste ore (che ci auguriamo non leggere più) relativo alla clinica e al decorso e’ da intendersi arbitrario, non confermato”

Contents.media
Ultima ora