×

Consigliere Pd dona un pallottoliere a Fontana e Moratti

In consiglio regionale un esponente del Pd dona un pallottoliere a Fontana e Moratti: continuano le polemiche sulla zona rossa.

pallottoliere a Fontana e Moratti

Il consigliere regionale del Pd, Pietro Bussolati, ha consegnato questa mattina, 26 gennaio, un pallottoliere al Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e all’assesore al Welfare, Letizia Moratti, prima dell’inizio dell’inizio del consiglio. Il gesto provocatorio dell’esponente dell’opposizione regionale mira a sottolineare platealmente gli errori commessi nel calcolo dell’indice Rt che hanno portato ingiustamente il territorio in zona rossa per un settimana pur non avendone questo la necessità.

Donato pallottoliere a Fontana e Moratti

“Prima dell’inizio del consiglio regionale – scrive Bussolati su Facebook – ho voluto dare a Fontana un pallottoliere per evitare che ci mandi ancora in zona rossa per sbaglio.

Secondo voi questa volta studierà o continuerà a parlare di algoritmi segreti del Governo?”. Il pallottoliere, così come le calcolatrici, sono stati i simboli delle proteste dei commerciati e degli esercenti costretti a rimanere chiusi per la zona rossa che nelle giornate scorse hanno manifestato sotto la sede della Regione Lombardia.

Il rimpallo di responsabilità per l’accaduto, nel frattempo, continua. Fontana e l’assessore Moratti si difendono e parlano di errore da parte del governo.

La Lega e il suo segretario Salvini si sono schierati apertamente dalla parte del governatore, ma gli elementi e le prove fornite dall’Istituto superiore di Sanità che si occupa del monitoraggio e dal ministero della Salute sembrano dar torno all’organo regionale. Andrà fatta chiarezza, come chiesto anche dai sindaci di centrosinistra della Regione che chiedono che l’indagine venga allargata anche alle altre settimane dell’emergenza per verificare se l’errore, oggi rivelatosi, possa essere stato sistemico.

Prevista anche una class action da parte delle attività economiche colpite dalla disattenzione.

Contents.media
Ultima ora