×

Quali sono le tasse a cui è sottoposto un turista su Airbnb?

default featured image 3 1200x900 768x576

Come recentemente emerso negli ultimi tempi siti come Airbnb hanno stravolto totalmente il mondo del turismo, arrivando gradualmente a sostituire strutture ricettive tradizionali quali alberghi e B&B. La sharing economy ha dunque ampliato le possibilità di scelta per gli ospiti, che possono così beneficiare di prezzi più competitivi per alloggiare in qualsiasi località del mondo.

Di particolare importanza è la gestione amministrativa dell’immobile, specificatamente per quanto riguarda questioni relative alla tassazione. Di recente discussione è infatti l’imposta di soggiorno. Airbnb non si occupa della riscossione, la cui responsabilità sarà in capo al padrone di casa nel caso in cui fosse prevista. All’ospite potrebbe essere richiesto di pagare la tassa di soggiorno in loco, in maniera certamente poco trasparente. (anche se solitamente l’host la inserisce implicitamente nel prezzo pattuito su Airbnb) E’ quindi importante che l’ospite chiarisca anticipatamente la questione comunicando direttamente con il padrone di casa salvo evitare spiacevoli inconvenienti.

Per ovviare a problemi quali la gestione degli appartamenti sono recentemente nate diverse aziende al fine di facilitare l’accoglienza degli ospiti e la manutenzione dell’appartamento. Fra queste emerge Guesthero, società che si occupa della gestione completa di case vacanza per affitti a breve termine.

Contents.media
Ultima ora