Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Hamsik saluta il Napoli, De Laurentiis: “Va a giocare in Cina”
Sport

Hamsik saluta il Napoli, De Laurentiis: “Va a giocare in Cina”

Napoli, Hamsik dice addio: va in Cina
Marek Hamsik lascia il Napoli

Accordo raggiunto con il Dalian. Messaggio del centrocampista al popolo azzurro: "Napoli ce l'ho tatuato sulla pelle, amerò questa città per sempre".

La volta buona. Marek Hamsik saluta il Napoli per andare a giocare in Cina, al Dalian Yifang. L’affare sembrava già concluso all’inizio di febbraio, poi il club azzurro aveva frenato bruscamente perché non sarebbe stata rispettata l’intesa sulla modalità di pagamento del centrocampista slovacco. Ora le parti hanno invece trovato la quadra: nelle casse della società partenopea entreranno subito 5 milioni di euro e altri 15 fra un anno (il Napoli ha ricevuto precise garanzie bancarie in tal senso).

Il tweet di De Laurentiis

“L’accordo con il Dalian è stato raggiunto. Auguro a Marek di essere felice in Cina. Le porte del Napoli saranno sempre aperte per lui” ha twittato il presidente Aurelio De Laurentiis ufficializzando l’affare. Hamsik lascia il Napoli dopo quasi 12 stagioni rese storiche dal record di presenze e di gol in maglia azzurra (e dalla vittoria di 2 Coppe Italia e 1 Supercoppa Italiana).

“Qui sono nati i miei figli”

Su Instagram Hamsik ha scritto un lungo messaggio rivolto al popolo azzurro.

“Per prima cosa mi devo scusare con voi tifosi azzurri: volevo, speravo, sognavo di salutarvi con un grande giro di campo abbracciato dal vostro applauso. Mi avete sempre sostenuto e amato incondizionatamente nei momenti belli o difficili: di questo ve ne sarò sempre grato” si legge nel post del centrocampista. Che ripercorre la sua avventura al San Paolo: “Napoli ce l’ho tatuato sulla pelle: così come la prima vittoria in Coppa Italia dopo 25 anni. Impossibile dimenticare quella festa. Impossibile dimenticare il momento in cui ho battuto il record di presenze di Bruscolotti o quando ho superato il record di gol in maglia azzurra del Dio del calcio Diego Armando Maradona. Questo mi rende estremamente orgoglioso. Qui a Napoli sono nati i miei 3 figli, napoletani a tutti gli effetti”.

“Grazie di cuore a tutti”

Quindi il 31enne ricorda le persone con le quali ha condiviso la lunga esperienza : “Desidero ringraziare tutti: il Presidente che mi ha dato la possibilità di rimanere qui per 12 anni e che ha accettato la mia volontà di provare una nuova esperienza; tutti gli allenatori che mi hanno allenato, ai quali devo la mia crescita come calciatore e come uomo; tutto lo staff medico, tecnico e la Società Sportiva Calcio Napoli tutta; i miei amici, dei quali sentirò la mancanza, ma che so non mi abbandoneranno mai perché sono parte della mia famiglia”.

Infine una promessa e un augurio: “Appena sarà possibile spero mi concederete un ultimo giro di campo al San Paolo, per dedicarvi e ricevere il saluto che meritiamo. Vi amo e amerò questa città per sempre. Grazie di cuore a tutti e un grandissimo in bocca al lupo ai miei compagni per il resto della stagione: spero riuscirete a vincere l’Europa League!”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgio Meroni
Giorgio Meroni 602 Articoli
Giorgio Meroni, nato a Milano nel 1984. Dopo la laurea triennale e magistrale in lettere moderne, frequenta un master in giornalismo, sua grande passione fin dall'adolescenza. Diventa giornalista professionista nel 2014. Segue con interesse la politica, lo sport e il mondo della tv. Grande tifoso del Milan.