Leucemia Mihajlovic, il medico: “Così abbiamo scoperto la malattia”
Sport

Leucemia Mihajlovic, il medico: “Così abbiamo scoperto la malattia”

Mihajlovic
Mihajlovic

Mihajlovic ha annunciato la leucemia. Il medico, però, ha chiarito che potrà "continuare a fare il suo lavoro alla guida del Bologna".

Gianni Nanni, medico del Bologna, ha partecipato alla conferenza stampa insieme a Mihajlovic per chiarire le cause della leucemia. Come ha spiegato ai microfoni, attraverso la risonanza magnetica sono andati a cercare “qualche cosa come strappo muscolare, un dolore tendineo, un problema all’anca, una frattura da stress”. Ma nulla di tutto questo è emerso. Infatti, “c’era solo un segnale osseo da indagare“. Infine, con la risonanza “abbiamo trovato una leucemia acuta in una persona sana”, senza sintomi particolari. La malattia, comunque “si può combattere e vincere in tempi brevi. il futuro è roseo”.

La leucemia acuta Mihajlovic

Il medico legale del Bologna Gianni Nanni ha spiegato come è stata scoperta la leucemia di Mihajlovic. “Il problema è nato il giorno prima del ritiro – spiega Nanni – ma abbiamo avuto in fretta l’esito dell’esame al midollo. Si tratta di una leucemia acuta. Vent’anni fa non ci sarebbe stato nulla da fare, oggi possiamo dire che seguendo un ciclo di terapie Mihajlovic avrà anche la possibilità di continuare a fare il suo lavoro alla guida del Bologna”.

Sinisa, infatti, verrà ricoverato presso l’istituto Seragnoli al S. Orsola di Bologna nel reparto di ematologia. Il medico, infine, rassicura: “Siamo in ottime mani, potrà continuare la sua attività”. Il tipo di leucemia e la durata delle cure non sono ancora note. Walter Sabatini, presente in conferenza stampa, non è riuscito a trattenere le emozioni e più volte si è fatto scappare delle lacrime. “Sinisa Mihajlovic resta l’allenatore del Bologna: sconfiggerà la malattia” ha dichiarato.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.