×

Lukaku da record: gli acquisti più onerosi nella storia dell’Inter

Il costo del cartellino di Lukaku è di 65 milioni di euro, superiore a qualsiasi altro acquisto realizzato nella storia dell’Inter.

Lukaku da record: gli acquisti più onerosi nella storia dell’Inter

È ufficiale: Romelu Menama Lukaku Bolingoli, giocatore belga classe ‘93 di origini congolesi, è un colpo di mercato dell’Inter, e che colpo. A 26 anni, Lukaku non è più una promessa, ma una delle realtà più fenomenali del calcio internazionale, grazie a numeri da capogiro. Mancino imprevedibile e potente nel gioco aereo – anche grazie ai suoi 192 cm per 95 kg – il centravanti registra nel suo Palmares 68 gol con l’Everton, 28 con il Manchester United e una medaglia di bronzo ai Mondiali di Russia del 2018. La punta più prolifica nella storia della nazionale belga e uno degli unici tre giocatori capaci di segnare più di 100 reti nella Premier League – per l’esattezza 113 – sarà però in grado di confermarsi nella massima serie italiana?

Lukaku all’Inter

Fortemente voluto dal nuovo tecnico nerazzurro Antonio Conte, Lukaku non sembrerebbe che una delle tante facce nuove della versione 2019-2020 del club milanese, sotto osservazione speciale da parte degli esperti di ogni sito di scommesse sportive online , per essere quello che probabilmente ha cambiato di più durante l’estate. Tra gli altri acquisti confermati, il portiere Brazao, il difensore Godine, sulla linea di centrocampo, Agoume, Lazaro, Sensi e Barella, in grado di rendere l’Inter la principale avversaria di Juve e Napoli nella lotta per lo Scudetto.

I più pagati dall’Inter

Poco comune, invece, è il costo del cartellino di Lukaku; un record assoluto, considerando i 65 milioni di euro più 10 di bonus – e una percentuale sulla futura rivendita – versati nelle casse dei Red Devils. Una cifra non solo più alta rispetto ai “miseri” 37 milioni più bonus di recente pagati al Cagliari per assicurarsi le prestazioni di Nicolò Barella, ma anche superiore a qualsiasi altro acquisto realizzato nella storia dell’Inter.

Dopo Lukaku, sul podio dei giocatori più costosi in casa Inter, ricordiamo:

  • Christian Vieri. Il “Bobo” nazionale, uno degli attaccanti più prolifici e amati di sempre, venne pagato alla Lazio 90 miliardi delle vecchie lire – equivalenti a 46,6 milioni di euro – nel 1999. Una pazzia dell’era Moratti che, almeno fino all’arrivo di Lukaku, occupava la prima posizione come giocatore più costoso di sempre. I numeri però parlano chiaro: 190 presenze e 123 gol dal suo arrivo a maggio 2005.
  • Joao Mario. I dirigenti dello Sporting Lisbona riuscirono a convincere Ausilio ad acquistarlo per 40 milioni di euro a seguito delle splendide prestazioni
    mostrate dal giocatore a Euro 2016. Fortemente voluto dal tecnico olandese Frank de Boer, che lasciò l’Inter dopo solo 11 partite, Joao Mario non è mai
    riuscito a adattarsi allo stile di gioco italiano e nemmeno Antonio Conte pare promettergli un futuro roseo.
  • Radja Nainggolan. Nonostante le indubitabili doti tecniche, un infortunio a inizio campionato e il carattere irascibile hanno reso il “Ninja” un esubero di
    lusso anzitempo. Dopo essere stato acquistato dalla Roma per 38 milioni nel 2018, il pupillo di Spalletti è ora una nuova pedina del centrocampo
    bolognese di Sinisa Mihajlovic.
  • Geoffrey Kondogbia. Nel 2015, quando venne strappato al Milan per 36 milioni, veniva paragonato a Paul Pogba per doti tecniche. Sarà per il confronto e la pesante eredità lasciatagli sulle spalle da campioni come Cambiasso, Stankovic e Snejider, ma si può affermare senza esagerare che il francese non ha lasciato alcun segno all’Inter, se non nelle casse.
  • Hernan Crespo. Stesso prezzo ma diverso valore rispetto a Kondogbia. Quando Crespo giunse all’Inter nel 2012 per sostituire Ronaldo, tutti conoscevano le sue doti, ma in pochi credevano nel miracolo. Tuttavia, i numeri lasciano poco spazio ai dubbi; il nuovo numero 9 mise a segno 45 reti in 116 partite ufficiali, contribuendo alla vittoria di 5 trofei.
  • Ronaldo. Superfluo presentare il “Fenomeno”, uno dei giocatori più forti di sempre. Giunto all’ombra della “Madunina” nel ormai lontano 1997 per
    l’equivalente di 28 milioni di euro – una follia a quei tempi – il brasiliano segnò in totale 59 goal in 98 partite, che gli garantirono la vittoria del Pallone d’Oro.
    Purtroppo, il terribile infortunio subito nella finale di Coppa Italia contro la Lazio il 12 aprile del 2000 lo costrinse a un lungo stop.

Una storia da telenovela quella di Lukaku, che inizialmente sembrava destinato a vestire la casacca della Juve di Sarri grazie a un sontuoso scambio con il Manchester che includeva Paulo Dybala. Ora, però, non ci sono dubbi e il gigante belga è una punta interista. Diamo tempo al tempo e lasciamo parlare Lukaku a suon di gol per scoprire se e per chi si sia trattato di un vero affare.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche