Stazione spaziale cinese: lontani dalle finestre - Notizie.it
Stazione spaziale cinese: lontani dalle finestre
News

Stazione spaziale cinese: lontani dalle finestre

stazione spaziale cinese
Stazione spaziale cinese: lontani dalle finestre

La stazione spaziale cinese è prossima alla caduta, si consiglia si stare lontani dalle finestre.

In questi giorni di festa non si può fare a meno, ancora una volta, di tornare a parlare della stazione spaziale cinese di cui si attende la caduta, sul nostro pianeta, nelle prossime ore.

Aggiornamenti

Il capo del dipartimento di Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha confermato che la percentuale di colpire l’Italia è scesa allo 0,1%. Entro breve il territorio italiano potrà essere eventualmente ecluso; enti di ricerca di tutto il mondo hanno raccolto una serie di dati da dodicit diverse agenzie spaziali, dai quali è emerso che la Tiangong 1 potrebbe transitare sull’Italia in due occasioni distinte. Alle 4.50 a sud della Sicilia e poi a seguire alle 6.30 su Sardegna ed Italia centro-meridionale. Solo 40 minuti prima potrà essere indicata con certezza la zona del rientro anche se al momento America centrale e settentrionale, Nuova Zelanda e gran parte dell’Australia sono state esclude. Le ultime ore si sono rivelate particolarmente importanti per escludere la
fascia a rischio, compresa fra 43 gradi di latitudine Sud e 43 gradi di latitudine Nord.

Anche Africa sud-orientale, Indocina ed India sono già stati esclusi; si proseguirà con le esclusioni mentre Tiangong 1 continuerà a scendere, fino a raggiungere gli 80 km circa.

Stazione spaziale cinese: lontani dalle finestre

Dopo aver ampiamente annunciato che la stazione spaziale cinese è quindi prossima alla caduta sulla terra, negli ultimi giorni si sono susseguite una serie di notizie, alcune decisamente allarmanti, riguardo a quello che potrebbe accadere tra poche ore.

Tiangong-1, quindi, è destinata a ritornare verso il pianeta dal quale è sta generata e da dove è partita, e alcuni frammenti infuocati, a quanto già stabilito, potrebbero cadere sul nostro pianeta, ma è difficile, se non impossibile, riuscire al momento a prevedere con precisione dove e quando.

A cosa fare attenzione

Le dichiarazioni della protezione civile sono state molto precise riguardo a ciò che è più utile fare per evitare pericoli, è quindi utile riportarle in maniera completa, ovviamente le indicazioni sono state date a scopo puramente precauzionale, perchè non dovrebbe esserci, a quanto diffuso, un reale pericolo.

I frammenti della stazione spaziale cinese, a quanto appreso dalle ultime notizie, dovrebbero arrivare al suolo intorno alle 11.26 del giorno di Pasqua, ovvero domenica 1 aprile.

stazione spaziale cinese

Le dichiarazioni della protezione civile

È bene sapere, quindi, come già detto e sempre a scopo meramente precauzionale e nella remota possibilità che uno o più frammenti del satellite cinese possano cadere sul territorio, nelle fasce orarie tra le 6,34 e le 7,04 e tra le 9,38 e le 10,08 di oggi primo aprile, come la cittadinanza dovrebbe comportarsi, seguendo alcune semplici indicazioni.

È bene sapere, onde evitare che si diffonda un panico ingiustificato, che è poco probabile che i frammenti del satellite causino il crollo di edifici, e assodato ciò, sono pertanto sono da considerarsi posti molto più sicuri rispetto ai luoghi aperti.

Si consiglia, comunque, di stare lontani dalle finestre e dalle porte con vetrate.

Ci sono, inoltre, anche altre indicazioni precise da seguire, che riportiamo:

• i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone: pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici;

• all’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi), per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti;

• è poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto;

• alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero sopravvivere all’impatto e contenere idrazina, un composto chimico tossico altamente corrosivo.

Consigli finali

Si consiglia, in linea generale, che chiunque avvistasse un frammento, senza toccarlo e mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri, dovrà segnalarlo immediatamente alle autorità competentietenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche