Posta su Fb la foto della figlia morta: “È colpa vostra, sapete di averla rovinata”

News

Posta su Fb la foto della figlia morta: “È colpa vostra, sapete di averla rovinata”

jenni galloni

Una foto cruda e forte quella pubblicata dalla mamma di Jenni Galloni su Facebook. La ragazza, 25enne di origini pugliese, incinta al quarto mese, trovata morta per motivi  ancora da chiarire.

Era andata a dormire per cercare di riprendersi dopo che si era sentita poco bene. Il giorno dopo, Jenni Galloni, studentessa di 25 anni di Bari, incinta al quarto mese di gravidanza, non si è più svegliata. A trovarla morta lunedì mattina,  nel suo letto, è stato uno dei tre ragazzi che da qualche settimana la stava ospitando.   È stato proprio il coinquilino, anche lui studente, a dare l’allarme e a raccontare tutto alla polizia, arrivata subito sul posto allertata dai sanitari del 118, che Jenni domenica sera non si era sentita bene.

Così scrive su facebook la mamma di Jenni Galloni, in preda all disperazione e allo sconforto, alla rabbia, postando la foto della figlia morta:

“Dopo che ho visto gente di merda…scrivere di mia figlia io ora voglio che VOI ve la ricordiate come purtroppo questa immagine non me la leverò mai dalla mente, ora non la potete più toccare con le vostre sporche mani con le vostre false parole con i vostri plagi……non la potete più invitare a far festa ai rave….non potrete più fottergli i soldi che non avevate intenzione di restituirgli mai….se né andata sapendo dentro di se che eravate persone di merda e di merda resterete per sempre.. grazie del tatto che avete avuto con lei e che avete tuttora con certi post…grazie Santino se non era per persone come te forse non avrebbe trovato la pace eterna…

attenzione a tutti quelli che sanno in coscienza, di aver fatto più danno ke il resto nella sua vita, se ne hanno una di non scrivere mezza parola nella pagina di mia figlia!!!!!! grazie di avermela tolta veramente grazie!”

I commenti della gente sotto a questo drammatico post: 

  • “Anche io ho un figlio, se gli capitasse quello che è capitato a Jenny la foto la metterei eccome, e spero serva ECCOME a svegliare le coscienze, Jenny era corcondata da gente di merda, la madre ha farro benissimo altrochè…”
  • “Condolianze signora.

    Non la conoscevo ma mi piange il cuore vedere quegli occhioni bellissimi e profondi e sapere che ora si sono spenti. Forza e coraggio, ci penserà la vita a fargliela pagare alle schifose persone che purtroppo hanno avuto l onore di starle vicino. Di nuovo le piu sentite condolianze”.

  • “io non ho dato solo colpa alle feste….le feste sono fatte di persone, non e’ un concetto astratto! anche io amdavo alle feste e so che spesso il movimento delle feste dove viene sventolato l amore, la liberta’ e atre cazzate simili solo solo rincoglionire sotto una cassa, sporcare come gli animali( nenacje loro lo fanno a dire il vero) e sballarsi come se non ci fosse un domani!!!!! dai per favore!!!!”

Un utente critica la scelta di pubblicare una foto tanto forte e le risposte arrivano a raffica…:

  • “Perdonami marco…come dici tu non è una foto da social ma rispettiamo almeno il dolore della madre.

    Nessuno può dire a lei come possa essere giusto reagire al dolore. Ha perso la figlia cazzo, io forse sarei andata a spaccare la faccia a chiunque avrei trovato davanti per la rabbia. Ognuno reagisce a modo proprio e nessuno si può permettere di dirle come dover reagire”.

  • “Non sopporto la parola condoglianze ma le dico dal cuore signora che mi unisco al suo dolore … Però io la jenni la voglio ricordare col sorriso.. Non così .. Mi dispiace tanto… R.I.P JENNI”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...
Chiara Cichero 1241 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.