Atterraggio d'emergenza per volo Ryanair partito da Malpensa
Atterraggio d’emergenza per volo Ryanair partito da Malpensa
Cronaca

Atterraggio d’emergenza per volo Ryanair partito da Malpensa

panico in volo
uomo grida 'Allah Akbar'

Partito da Milano Malpensa un volo Ryanair diretto a Palermo è stato costretto ad un rientro immediato a causa della perdita di carburante

Non sono settimane facili per Rayanair. Dopo il caos scoppiato tra i vertici della compagnia ed i sindacati dei piloti, nelle ultime ore anche i problemi ad un volo hanno creato non poco scompiglio. E’ di poche ore fa la notizia di un atterraggio di emergenza che ha coinvolto un aereo decollato dall’aeroporto di Milano Malpensa; pochissimi minuti dopo la partenza infatti, il pilota del volo Fr1438, diretto a Palermo, ha deciso di fare marcia indietro, invertire la rotta ed effettuare un atterraggio di emergenza nello scalo milanese-varesino; l’episodio è avvenuto intorno alle 6.40 della mattina ma solo nelle ultime ore è divenuto di dominio pubblico: secondo quanto emerso, dopo l’immediato rientro alla base, i passeggeri sarebbero stati fatti scendere dal velivolo. Le cause del rientro non sono però state rese note, parlando di un’problema all’aereo’ ma senza scendere nei dettagli, lasciando dunque i passeggeri ignari di cosa possa essere successo.

Cosa è successo durante il volo? le ipotesi

Alla base dell’atterraggio di emergenza potrebbe esserci stato però, stando a quanto emerso, un problema serio legato alla possibile perdita di carburante in volo da parte dell’aereo; si sarebbe dunque accesa la relativa spia sul cruscotto, indicando ai piloti il problema e rendendo di fatto necessario il rientro immediato all’aeroporto di partenza.

Atterraggio che è avvenuto senza problemi per i passeggeri, che sono stati fatti sbarcare e salire su un altro velivolo messo a disposizione, con destinazione Palermo. L’arrivo, a causa del problema, è avvenuto con un ritardo di circa due ore rispetto all’orario prestabilito.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche