×

Coprifuoco, da oggi 14 giugno stop in 13 regioni: quando l’abolizione in tutta Italia?

Da oggi scatterà l'abolizione del coprifuoco per altre sei regioni: quando sarà possibile spostarsi liberamente in tutta Italia?

Coprifuoco abolizione

A partire da oggi, lunedì 14 giugno, saranno in totale tredici le regioni in cui non è più in vigore il coprifuoco: tra le norme valide in zona bianca vi è infatti la possibilità di circolare liberamente a tutte le ore del giorno e della notte.

Quando ciò sarà possibile anche per tutto il resto d’Italia?

Coprifuoco, abolizione: da quando?

Le aree che attualmente si trovano nella fascia bianca, entrando nella quale il coprifuoco decade automaticamente, sono Sardegna, Molise, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Veneto, Umbria, Piemonte, Emilia Romagna, Puglia, Provincia Autonoma di Trento, Lazio e Lombardia. Si tratta, come annununciato dal ministro Speranza dopo la firma delle nuove ordinanze, di circa 40,5 milioni di italiani.

Per tutti gli altri invece, ancora in zona gialla, è ancora vietato circolare nella fascia oraria tra le 24 e le 5.

Coprifuoco: abolizione per tutta Italia

Il governo ha però fissato una data per l’abolizione del coprifuoco su tutto il territorio nazionale e non solo nelle regioni in fascia bianca, vale a dire il 21 giugno. A partire da questo giorno anche per chi si trova in zona gialla decadrà il divieto di spostarsi durante la notte, cosa che consentirà a tutti i ristorantie i bar di rimanere aperti più tempo anche la sera.

Coprifuoco, abolizione: cosa cambia dal 21 giugno

Proprio a partire da quella data è anche attesa l’entrata in zona bianca di tutte le regioni attualmente gialle esclusa la Valle d’Aosta. Si tratta cioè di Basilicata, Campania, Marche, Toscana, Sicilia, Calabria e Provincia Autonoma di Bolzano che per la seconda settimana consecutiva hanno registrato un’incidenza di casi ogni 100 mila abitanti inferiore a 50, condizione da soddisfare per ventun giorni per rimuovere le restrizioni.

Dal 21 giugno in quasi tutta Italia cambieranno le regole per le feste private e per l’apertura di bar e ristoranti (senza limitazioni di orario sia all’aperto che all’esterno) riapriranno parchi giochi, lunapark e sale da giochi, ripartiranno convegni e congressi e saranno consentite tutte le attività sportive, sia al chiuso che all’aperto, sia individuali che di gruppo. Si potrà anche tornare anche ad usare le docce degli edifici sportivi.

Il territorio valdostano dovrà invece attendere la settimana successiva avendo registrato l’incidenza bassa soltanto da sette giorni.

Contents.media
Ultima ora