> > Covid, In Cina quasi 60mila morti in un mese

Covid, In Cina quasi 60mila morti in un mese

Cina

Le autorità sanitarie di Pechino comunicano il primo bilancio sulle morti per Covid dopo l'allentamento delle restrizioni: quasi 60mila morti in un mese

Quasi 60mila decessi in un mese in Cina a causa del Covid-19.

Annullata la politica zero virus, a riferirlo sono le stesse autorità sanitarie di Pechino: si tratta del primo bilancio dopo l’allentamento delle restrizioni avvenuto all’inizio dello scorso dicembre. Tra l’8 dicembre 2022 e il 12 gennaio 2023, i decessi registrati nel Paese asiatico sono precisamente 59.938.

La comunicazione dei dati è stata interrotta

Delle circa 60mila vittime, 5.503 sono decedute a causa di un’insufficienza respiratoria legata al Covid e 54.435 a causa di altri disturbi combinati allo stesso.

Il blocco dei dati dalla Cina lascia un vuoto nell’analisi della situazione del virus: dopo aver revocato ex abrupto i controlli antivirus, all’inizio di dicembre il governo cinese ha interrotto la comunicazione dei dati sulle infezioni e sui decessi. Nel frattempo, l’Organizzazzione Mondiale della Sanità (OMS) e altri governi hanno fatto appello a Peschino perché torni a fornire con regolarità i dati dettagliati sulla diffusione del virus in Cina.

Il 64% della popolazione cinese è infetta

Da uno studio dell’Università di Pechino – citato dalla Bcc – è emerso che il 64% della popolazione cinese ha contratto il Covid e che la provincia più colpita è stata quella di Gansu con un tasso di positività al 91%. A seguirla, Yunnan (84%) e Qinghai (80%).