×

Covid, Pregliasco su caso Genoa: “Inevitabile, rischio molto alto”

Condividi su Facebook

Il virologo Fabrizio Pregliasco afferma che il caso Genoa era inevitabile. Il Covid può essere riscontrato anche dopo le 72 ore dal contagio.

covid-pregliasco-genoa
covid-pregliasco-genoa

Il virologo Fabrizio Pregliasco ha affermato che i casi di positività da Covid-19 nella squadra del Genoa sono stati inevitabili. Il contagio con il virus può essere riscontrato anche dopo le 72 ore, quindi non tutti i tamponi sono veritieri.

Pregliasco: “Covid inevitabile per il Genoa”

Quello che è accaduto all’interno della squadra del Genoa sarà, purtroppo, la normalità. Ad afermarlo è stato il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi di Milano. I tempi di incubazione del virus vanno dai due ai dieci giorni, motivo per cui molti tamponi risultano negativi nonostante si sia già contratto il coronavirus.

Secondo Pregliasco non ci sarebbero, dunque, soluzioni definitive. Rimane un margine di rischio molto alto anche quando il tampone risulta negativo perché l’infezione potrebbe svilupparsi anche nelle ore successive.

Per il virologo dovrebbero essere fatti tamponi ogni cinque minuti, ma questo è materialmente impossibile. La situazione che ha coinvolto 14 persone, tra giocatori e staff del Genoa calcio, non ha dell’incredibile. “I calciatori sono come tutti gli altri cittadini – afferma Pregliasco – con la loro vita e l’aspetto famigliare e in questo contesto di comunità la possibilità di contagio è uguale per tutti“.

La distanza sociale rimane l’unica accortezza utile, anche in campo.

“I calciatori non possono giocare bardati come in ospedale, bisogna limitare i contatti che non fanno parte della dinamica di gioco come le esultanze e i faccia a faccia in campo“. Nonostante i due tamponi negativi, effettuati durante la giornata di sabato, prima della partita con il Napoli al San Paolo, buona parte dei calciatori e dello staff della squadra genovese sono risultati positivi dopo aver giocato il match. Anche i giocatori del Napoli si sono sottoposti al tampone, ma risultano essere negativi.

Nessuno stop al calcio, nonostante gli ultimi focolai presenti all’interno di diverse squadre della Serie A. Secondo Pregliasco sarebbe utile fermarsi per due settimane, in concomitanza con la sosta delle nazionali. Questo però non escluderebbe un ritorno dei contagi possa nel breve tempo.

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.