×

Variante virus, Ricciardi: “Londra lo sapeva da settembre e ha taciuto”

Condividi su Facebook

Accusando il Regno Unito di aver taciuto sulla nuova variante del virus, Ricciardi ritiene che in Italia possa esserci una nuova impennata di contagi.

Ricciardi
Ricciardi

Il consigliere del ministro della Salute Walter Ricciardi ha accusato la Gran Bretagna di non aver avvisato le autorità della presenza della nuova variante del virus, che “sapeva fosse in circolazione da settembre“. Si è poi detto preoccupato che i contagi possano aumentare e mettere a rischio la riapertura delle scuole.

Ricciardi sulla nuova variante del virus

Ciò che mi fa arrabbiare è che gli inglesi hanno taciuto e non ci hanno avvertito“. Così l’esperto in un’intervista al Messaggero, spiegando che il nuovo ceppo non sarebbe più letale e aggressivo ma circolerebbe ad una velocità più alta anche del 70-80%.

Rammaricato che il governo inglese abbia reso nota la sua presenza soltanto ora, Ricciardi ha spiegato che a Natale si rischia una nuova impennata di casi e “in queste condizioni sarà difficile riaprire le scuole il 7 gennaio“.

Secondo lui ciò che servirebbe è un lockdown generalizzato, cosa che teme ora sia inevitabile perché a suo dire le misure decise per il periodo natalizio non saranno sufficienti. La circolazione del virus in Italia è ancora intensa il numero di infetti alto e dunque con queste condizioni le misure di contenimento dovrebbero durare di più, anche un mese e mezzo.

Mentre invece il decreto ha validità soltanto per due settimane.

L’esperto è poi intervenuto sulla possibilità che il Regno Unito, dopo essere stato il primo paese al mondo ad autorizzare il vaccino Pfizer, approvi anche l’utilizzo di quello prodotto da AstraZeneca già alla fine del 2020. Ricciardi ha spiegato che per il momento la casa farmaceutica ha due protocolli, uno con “dose piena-dose piena” che ha una protezione intorno al 70%, e uno “mezza dose-dose piena” al 90%, che però deve essere consolidato da una sperimentazione di fase 3 e serviranno altri mesi. La Gran Bretagna potrebbe quindi registrare il primo protocollo.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Lucio Caratozzolo
21 Dicembre 2020 14:06

I cinesi hanno taciuto, gli inglesi hanno taciuto. Ma cosa? Cosa si tace? Perché non parlate chiaro con la gente, voi politici padroni della nostra vita! Ci avete ridotti a morire comunque, privandoci delle libertà elementari.


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media