×

Stato di emergenza prorogato fino al 31 luglio, l’indicazione del Cts

Condividi su Facebook

A seguito dell'andamento dell'epidemia in Italia, il Comitato tecnico scientifico ha proposto una proroga dello stato di emergenza fino al 31 luglio.

Nella giornata del 12 gennaio il Comitato tecnico scientifico ha suggerito a governo di prorogare lo stato di emergenza nazionale fino al prossimo 31 luglio, a causa dell’attuale andamento dell’epidemia di coronavirus nel nostro Paese. L’indicazione del Cts arriva a pochi giorni dalla firma del Dpcm con i provvedimenti restrittivi che entreranno in vigore a partire dal 16 gennaio e tiene conto di quattro parametri principali, tra cui la pressione sui posti letto, la sovrapposizione della pandemia con l’influenza stagionale e l’andamento della campagna vaccinale.

Cts, sì a proroga dello stato di emergenza

L’indicazione del Cts è stata presentata durante una riunione con il governo in cui si è discusso anche dell’eventuale riapertura degli impianti sciistici, riapertura che però è stata giudicata imprudente dallo stesso Cts e dal governo tanto che i rappresentanti delle regioni alpine hanno commentato: “Prendiamo atto dell’ipotesi annunciata dal governo di un nuovo rinvio dell’apertura degli impianti di risalita e del conseguente incremento della crisi di tutto il comparto turistico invernale della montagna, e chiediamo al governo di assumere un impegno serio nei confronti di questo settore, garantendo ristori certi, immediati e proporzionati alle perdite subite.

In merito inoltre al protocollo e alle linee guida di utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici, i rappresentanti delle regioni hanno aggiunto: “Durante i lavori della Commissione sono emerse le richieste che saranno avanzate al governo, in particolare una data garantita di apertura, ristori certi e immediati e proporzionati al minor fatturato della stagione agli impianti di risalita e a tutte le attività correlate.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media