×

Coronavirus, in Florida riaprono le spiagge e tutto sembra normalità

Condividi su Facebook

Il Dipartimento della Florida ha deciso di riaprire già alcune spiagge, nel rispetto delle norme anti Coronavirus.

Coronavirus, Florida: spiagge aperte
Riaprono alcune spiagge in Florida nonostante il Coronavirus.

Una folla di amanti del mare si è riversata nelle spiagge della Florida, nonostante il Coronavirus. Quella di Jacksonville è stata letteralmente sommersa da persone, surfisti e proprietari di cani pronti a godersi una bella giornata di sole e aria fresca. Un’altra spiaggia che ha deciso di abbassare la guardia è stata quella di Santa Cruz, California.

Qui è possibile fare surf per la prima volta dopo l’imposizione del lockdown.

Spiagge riaperte in Florida

Nonostante la gravità della pandemia negli Stati Uniti, in Florida alcune spiagge riaprono con alcune precauzioni: orari ridotti e qualche restrizione per chi vuole fare attività fisica.

Inoltre è proibito prendere il sole, utilizzare asciugamani e sedie, fare il bagno, raggrupparsi in più di 10 persone e non rispettare le distanze di sicurezza. Il coprifuoco è disposto per le 20 di sera, orario che tutti sembrano aver rispettato.

Eppure, il Dipartimento della Salute ha confermato la presenza di 1.421 casi positivi nella giornata del 17 aprile 2020, il maggior numero mai registrato finora.

In totale, in Florida ci sono 24.753 contagiati da Coronavirus e i morti aumentano a 726, con una crescita di 58 casi nelle ultime 24 ore.

Il Sindaco Lenny Curry ha avvisato gli avventori: “Se per qualsiasi ragione dovesse verificarsi un assembramento, faremo passi indietro e bloccheremo di nuovo tutto”. Incoraggiato dal numero di infetti e ospedalizzazioni, ha inoltre dichiarato che la curva dei contagi si sta appiattendo con grande evidenza e da qui la concessione ai cittadini di tornare sulle spiagge di Duval County.

Attenzione al Coronavirus

“Questo è solo l’inizio di un cammino che ci porterà alla normalità“, ha dichiarato, “Per favore, rispettate e seguite le restrizioni per la vostra salute e quella dei vostri vicini”. A marzo, il governatore Ron De Santis ha subìto grosse critiche per via delle spiagge aperte durante lo Spring Break, tradizionale periodo in cui le scuole restano chiuse e tantissimi giovani fanno festa sul litorale, in barba al distanziamento sociale.

Il sindaco responsabile delle spiagge, Charlie Latham ha detto: “La sicurezza è la nostra priorità e non ci tireremo indietro qualora dovesse essere necessario chiudere di nuovo l’area”. Anche la vicina contea di St. John ha adottato la medesima politica, con apertura del litorale dalle 6 della mattina alle 12 per 7 giorni a settimana e con simili restrizioni.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.