×

“Fungo nero” attacca i pazienti covid in India: cos’è la mucormicosi?

“Fungo nero” attacca i pazienti covid in India: cos’è la mucormicosi? Centinaia di casi con le spore "aiutate" da cortisone e immunodeficit dei pazienti

Un paziente affetto da mucormicosi allo stadio iniziale

Come se non bastassero numeri paurosi, un “fungo nero” ora attacca i pazienti covid in India: ma cos’è la mucormicosi, la malattia che il coronavirus può incentivare come conseguenza del suo attacco al corpo umano? Il preambolo è quello che rimanda ai numeri spaventosi dell’India, dove la mucormicosi è stata osservata in molti pazienti covid.

L’india è al secondo posto per numero di infezioni da coronavirus con 23 milioni e al terzo per morti con 250mila decessi. E con circa 400milanuovi contagi e 4mila morti al giorno e le varianti che imperversano le condizioni per l’insorgenza di una sub infezione ci sono tutte. 

“Fungo nero” attacca i pazienti covid in India: cos’è la mucormicosi? I sintomi

Si tratta di un’infezione fungina chiamata mucormicosi o “fungo nero” che sta colpendo centinaia di pazienti covid.

Attenzione, parliamo sia di pazienti attivi che guariti. I manuali specializzati fanno luce su questa micosi: ad innescarla sono i funghi dell’ordine Mucorales. A questi appartengono generi come Rhizopus, Rhizomucor, Mucor.  E i sintomi? “Lesioni necrotiche invasive del naso e del palato, che causano dolore, febbre, cellulite orbitaria, proptosi, e secrezione nasale purulenta”. Sintomi secondari o associati? “Possono seguire sintomi del sistema nervoso centrale“. 

“Fungo nero” attacca i pazienti covid in India: cos’è la mucormicosi? Chi viene colpito

E ancora: “I sintomi polmonari sono gravi e comprendono tosse produttiva, febbre elevata e dispnea. Un’infezione disseminata può verificarsi in pazienti gravemente immunocompromessi”. Chi è più esposto alla mucormicosi? I I pazienti con sistema immunitario compromesso o debilitato. In pole ci sono quelli affetti da diabete, cancro e AIDS. La micosi viene innescata dalle spore del fungo, e le spore si trovano nel terreno, nei prodotti vegetali in decomposizione, nel letame, nelle piante e altrove, in particolar modo negli ambienti umidi che favoriscono lo sviluppo delle muffe. Akshay Nair, un chirurgo oculista che lavora a Mumbai, ha spiegato alla BBC:  “È onnipresente e si trova nel suolo e nell’aria e persino nel naso e nel muco delle persone sane”. 

“Fungo nero” attacca i pazienti covid in India: cos’è la mucormicosi? Il legame con il coronavirus

E perché il Covid -19 sarebbe patologia che incentiva questa micosi? Dato che  molti pazienti covid vengono “curati” con farmaci steroidei succede quello che di solito accade quando si esagera  con il cortisone : via l’infiammazione ma sistema immunitario in crash e porte spalancate agli attacchi esterni, con il fungo che si fa letteralmente strada fra le ferite e raggiunge polmoni e cervello senza trovare antagonisti che lo debellino. La mucormicosi è malattia ad alta mortalità e che spesso richiede operazioni chirurgiche invasive per rimuovere i tessuti in necrosi. Studi più approfonditi e (ancor più) direttamente connessi alla situazione indiana hanno messo in relazione questa micosi con il sovraffollamento degli ospedali. Perché? 

“Fungo nero” attacca i pazienti covid in India: cos’è la mucormicosi? Il “vettore” ossigeno

Perché in condizioni vicine al caos l’ossigeno viene somministrato in condizioni non sterili e diventa una vera “autostrada aerea” per le spore, che al cervello ci arrivano praticamente planando. Il dottor VK Paul, che guida la task force anti Covid in India, ha poi aggiunto che si parla di “un fungo che ha una forte relazione con il diabete. Se la persona non è diabetica, è molto raro che sviluppi la mucormicosi”. E la cura? Per ora le autorità sanitarie indiane stanno ordinando migliaia di dosi dell’antifungino amfotericina B.

Contents.media
Ultima ora