> > Irina Shayk si schiera contro la guerra, poi sparisce: il silenzio inquieta

Irina Shayk si schiera contro la guerra, poi sparisce: il silenzio inquieta

Irina Shayk contro guerra

Irina Shayk si schiera contro la guerra in Ucraina, poi sparisce: il silenzio inquieta i fan.

Come tanti altri personaggi appartenenti al mondo dello showbiz, anche Irina Shayk si è schierata contro la guerra in Ucraina.

La modella ha urlato al mondo il suo “no war“, poi è scesa nel silenzio. La sua ‘sparizione’, però, ha inquietato i fan: cosa le succede?

Irina Shayk si schiera contro la guerra

Irina Shayk è una delle modelle russe più famose al mondo. Il suo volto e, soprattutto, il suo corpo hanno incantato e continuano ad incantare ogni angolo del globo. Lo scorso 24 febbraio, dopo che la Russia ha dichiarato guerra all’Ucraina, la top model si è schierata contro il suo Paese di nascita, urlando chiaro e tondo il suo “no war“.

Poco dopo, però, Irina ha silenziato i suoi social. O meglio, la Shayk non ha più parlato della guerra, ma si è limitata a condividere post inerenti il suo lavoro. Come mai questa scelta?

Il silenzio di Irina inquieta i fan

Il silenzio tombale di Irina in merito alla guerra ha inquietato i fan, spingedoli a porsi diverse domande. Come mai, dopo l’esplosione del conflitto in Ucraina, ha preferito non esprimersi più? Sono diversi i personaggi noti, russi e non, ad essersi schierati apertamente contro la follia omicida di Vladimir Putin, ma solo coloro che risiedono in Russia rischiano davvero di perdere il lavoro o addirittura di finire in galera.

La Shayk vive in America, quindi il suo silenzio sulla guerra inquieta ancora di più. Non siamo in grado di dare una risposta in merito alla scelta della modella, ma possiamo comunque farci un’idea. 

Perché la modella ha scelto la via del silenzio?

Molto probabilmente, Irina ha preferito seguire la via del silenzio per paura di ritorsioni. Si è schierata contro la guerra, questo non possiamo negarlo, ma in seguito ha deciso di non esporsi più in merito.

Lo stesso modus operandi, ad esempio, è stato osservato dalla modella Natalia Vodianova. Quest’ultima, dopo aver pubblicato un pensiero rivolto alle madri bloccate in Ucraina all’inizio dell’invasione, ha silenziato i suoi social, non rilasciando più alcun commento sull’attacco russo.