×

Il Principe Filippo rompe il silenzio: il messaggio sul Coronavirus

Dopo settimane di indiscrezioni sulla sua presunta scomparsa, finalmente il Principe Filippo ha rotto il silenzio.

PrincipeCoronavirus
PrincipeCoronavirus

A tre anni dal suo ritiro dagli impegni ufficiali il Principe Filippo ha rotto il silenzio, e ha rivolto un ringraziamento pubblico a tutti coloro – che in piena emergenza Coronavirus – stanno combattendo contro l’epidemia.

Coronavirus: il messaggio del Principe Filippo

Il marito della Regina Elisabetta, il Principe Filippo, ha rotto il silenzio a proposito dell’emergenza Coronavirus e dopo settimane in cui tra le altre cose hanno iniziato a circolare indiscrezioni sulla sua presunta morte, il duca di Edimburgo ha voluto ringraziare pubblicamente tutti coloro che stiano combattendo contro la pandemia.

“Voglio riconoscere il lavoro essenziale e urgente svolto da così tante persone allo scopo di far fronte alla pandemia; come i professionisti del mondo sanitario e scientifico, le università e gli istituti di ricerca, tutti uniti per proteggerci dal Covid-19”, ha fatto sapere il principe in una nota diffusa dai canali ufficiali della Royal Family.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily) in data: 20 Apr 2020 alle ore 3:31 PDT

Lui e la Regina allo scoppio dell’emergenza si sono ritirati nella loro residenza privata a Balmoral, e in tanti si sono preoccupati per le condizioni della sovrana e del consorte che già in passato è stato più volte ricoverato per i suoi problemi di salute.

Nelle scorse settimane il figlio, il Principe Carlo, è risultato positivo al Coronavirus, e fortunatamente è riuscito a guarire dalla malattia. Carlo si trova in isolamento con la moglie Camilla e sembra che non abbia visto sua madre, la Regina, per diverse settimane (prima che risultasse positivo al Coronavirus). A causa dell’epidemia il matrimonio della Principessa Beatrice di York (che avrebbe dovuto tenersi a maggio) è stato rinviato.

Contents.media
Ultima ora