Manuel Bortuzzo, la visita di Massimiliano Rosolino
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Manuel Bortuzzo, la visita di Massimiliano Rosolino
Sport

Manuel Bortuzzo, la visita di Massimiliano Rosolino

rosolino manuel bortuzzo

Il campione di nuoto Massimiliano Rosolino si è recato al San Camillo di Roma per visitare il giovane Manuel Bortuzzo: "Fatico a capire cosa si prova"

L’ex campione di nuoto Massimiliano Rosolino ha fatto visita a Manuel Bortuzzo, ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma. “Un ragazzo così giovane, ha una vita davanti. Anche se una grande parte gliel’hanno buttata via, si rifarà” ha dichiarato Rosolino prima di entrare nel nosocomio della capitale. “Manuel ha capito tutto e credo che i giovani abbiano più energie dei genitori. Io da genitore faccio fatica a capire cosa si prova” ha proseguito il campione.

Serve giustizia

“Bene che gli autori del fatto si siano consegnati alla giustizia, che mi auguro sia estremamente severa. Voglio solo salutare Manuel, contare sulla sua forza e determinazione che finora ha dimostrato” ha detto Massimiliano Rosolino, incapace di dare una spiegazione a ciò che è accaduto. “Insieme ai suoi
genitori dovrà affrontare un percorso che mi auguro sia positivo. E’ giovane e ha una vita davanti”. Oltre a Rosolino, Manuel ha ricevuto la visita del sindaco di Roma, Virginia Raggi e della presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Il pensiero di Zingaretti

Anche il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha voluto esprimere vicinanza a Manuel: “La sua vicenda è drammatica e oltre a tutta la vicinanza e sostegno possibile a lui e alla sua famiglia, non possiamo non guardare il segnale che ci arriva quando un ragazzo di 19 anni viene colpito da una pallottola per strada senza aver fatto nulla e senza nessun motivo.

E’ inaccettabile avere zone franche dove spaccio e pistole comandano. Non possono esistere quartieri off limits per la legalità” ha detto Zingaretti.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche