Buffon verso l’addio al Psg ma non al calcio: vuole giocare ancora
Sport

Buffon verso l’addio al Psg ma non al calcio: vuole giocare ancora

Gigi Buffon

Il club francese intenzionato a non rinnovare il contratto del portiere che avrebbe ricevuto offerte da altre squadre.

Le strade di Gigi Buffon e del Psg sono destinate a separarsi. Il club francese avrebbe infatti già deciso di non esercitare l’opzione per il rinnovo contrattuale del portiere ex Juventus. Vanno lette in tal senso le dichiarazioni del tecnico Thomas Tuchel. Secondo quanto riferisce SportMediaset l’allenatore tedesco ha chiarito che il prossimo anno non ci sarà alcuna alternanza tra i pali come invece avvenuto in questa stagione tra lo stesso Buffon e Areola. Sarà quasi certamente l’estremo difensore 26enne il titolare fisso con Trapp, attualmente in prestito all’Eintracht Francoforte, a svolgere il ruolo di secondo.

Il futuro di Buffon

E quale sarà il futuro di Buffon? Stando alle indiscrezioni riportate da La Gazzetta dello Sport, a dispetto dei 41 anni di età non vuole appendere le scarpette al chiodo ma continuare a giocare. Sul piatto ci sarebbero proposte da parte di diverse squadre: alcune di esse disputeranno la Champions League 2019/2020.

Proprio la partecipazione alla Coppa dalle grandi orecchie sarebbe una variabile decisiva nelle preferenze del portiere, che nell’ultima gara di Ligue 1 contro l’Angers ha parato un rigore. Buffon si sente ancora in grado di proseguire (quantomeno per altri 12 mesi) ma il Psg (campione di Francia) avrebbe, come detto, fatto la propria scelta lasciandolo libero a fine giugno. Un scelta sulla quale ha influito anche il grave errore commesso dal numero 1 nel ritorno degli ottavi di finale di Champions contro il Manchester United al Parco dei Principi lo scorso 6 marzo. Chissà se il 41enne avrà l’occasione di ‘vendicarsi’ in Europa nel prossimo futuro…

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgio Meroni
Giorgio Meroni, nato a Milano nel 1984. Dopo la laurea triennale e magistrale in "Lettere moderne", frequenta un master in giornalismo, sua grande passione fin dall'adolescenza. Diventa giornalista professionista nel 2014. Segue con interesse la politica, lo sport e il mondo della tv. Grande tifoso del Milan.