Trezeguet ubriaco agli agenti: “Sfigati, non guadagnate 2000 euro”
Sport

Trezeguet ubriaco agli agenti: “Sfigati, non guadagnate 2000 euro”

trezeguet
trezeguet

Trezeguet stava tornando da una degustazione di vino nella Langhe: gli agenti lo hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza.

L’ex attaccante bianconero, nonché calciatore della nazionale francese è stato fermato dagli agenti di polizia in via Po a Torino. David Trezeguet, 41 anni, era di ritorno da una degustazione di vini a bordo del suo Suv: purtroppo, però, era anche ubriaco. Inizialmente, infatti, il calciatore si era rifiutato di sottoporsi all’alcol test, ma gli agenti avevano già dei sospetti. Dopo le opportune verifiche, l’ex attaccante è risultato alticcio. Per questo motivo gli è stata ritirata la patente. Vediamo la sua reazione contro gli agenti.

David Trezeguet ubriaco alla guida

Nella serata di giovedì 18 luglio, David Trezeguet era alla guida del suo Suv di ritorno dalla degustazione alla Lanche. All’altezza di via Po a Torino, però, gli agenti lo hanno fermato per sottoporlo all’alcol test. Di fronte a tale richiesta l’ex calciatore bianconero si è rifiutato. Infine, però, ha eseguito gli ordini e ciò che gli agenti hanno scoperto ha confermato le loro previsioni.

Infatti, il David Trezeguet è risultato alticcio, con un tasso che si aggirava intorno a 1,5 e 1,7. Ben oltre il tasso consentito. Per il calciatore della nazionale francese, quindi, è scattata una denuncia per guida in stato di ebbrezza, nonché il ritiro della patente.

Gli insulti agli agenti

Di fronte ai provvedimenti messi in atto dagli agenti nel rispetto del codice stradale, David Trezeguet ha reagito in modo improprio. L’ex attaccante, infatti, ha urlato: “Lo faccio il test, ma dopo un’ora”. E poi, di fronte a un sollecito al test, in tono più duro ha insultato gli agenti: “Pezzenti, poveracci, non guadagnate nemmeno duemila euro”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.