×

Usa, bimbo di 4 anni trovato morto in casa: il corpo era nella scatola di giocattoli

Un bambino di 4 anni è stato trovato morto in casa di Hurricane City nello Utah. Il suo corpo è stato trovato nella scatola dei giocattoli.

Bimbo 4 anni trovato morto scatola giocattoli

Un bambino di 4 anni è stato trovato morto in casa di Hurricane City nello Utah. Il suo corpo è stato trovato nella scatola dei giocattoli. La nonna del piccolo ha raccontato di averlo messo a letto e di essersi accorta la mattina dopo che era scomparso.

Bimbo trovato morto: il suo corpo nella scatola dei giocattoli

Un bambino di 4 anni, americano, è stato trovato morto nella scatola dei giocattoli nella sua abitazione, qualche ora dopo che la sua nonna ne aveva denunciato la scomparsa. Il piccolo Kache Wallis è stato messo a letto dalla sua famiglia la sera prima, ma la mattina dopo la nonna si è resa conto che era scomparso.

La donna ha iniziato a cercarlo, ma senza trovarlo. Le autorità di Hurricane City, nello Stato dello Utah, hanno effettuato una seconda ricerca approfondita e hanno trovato il piccolo morto all’interno di una scatola di giocattoli nella camera da letto dell’abitazione in cui viveva. Secondo i primi rapporti della polizia, si era “nascosto” all’interno della scatola. Tutti e due i genitori si trovavano a casa quando è scomparso.

Bimbo trovato morto: asfissia posizionale

Gli agenti della polizia pensano che Kache potesse essere con un genitore “non affidatario“, come ha spiegato Dan Raddatz, agente di polizia, all’emittente localte KTVX. “In base alla situazione attuale, non possiamo dare una valutazione definitiva dell’incidente, stiamo aspettando informazioni dall’ufficio del medico legale” ha detto Raddatz. Il medico legale ha stabilito che la causa della morte è un’asfissia posizionale. Le autorità hanno confermato che il ritrovamento del bambino è avvenuto dopo alcune ore di ricerca, all’interno di questa scatola di giocattoli presente nella sua abitazione.

Bimbo trovato morto: le ipotesi

Al momento, come hanno sottolineato gli investigatori, tutte le ipotesi sono ancora al vaglio. Quella più credibile riguarda il tragico incidente. La nonna è stata la prima a rendersi conto che il piccolo era scomparso e che non era nel suo lettino a dormire, dove era stato lasciato. “La nonna di Kache ha riferito che era stato messo a letto la sera prima e quando è stato controllato la mattina, non era a letto e non è stato trovato all’interno o intorno alla casa” ha spiegato un portavoce della Hurricane Police, dopo il racconto della famiglia.

Contents.media
Ultima ora