×

Variante Omicron, l’allarme di Fauci: “I viaggi di Natale la diffonderanno in tutto il mondo”

L'immunologo statunitense Anthony Fauci ha parlato di Omicron e del probabile aumento dei contagi dopo le feste per via dell'infettività della variante

omicron natale

L’immunologo statunitense, Anthony Fauci, ha parlato di Omicron e del probabile aumento dei contagi dopo le feste per via dell’alto tasso di infettività della variante.

Variante Omicron, l’avvertimento di Fauci per il Natale

La variante Omicron è già un problema serio e reale in tutto il mondo.

Secondo il noto virologo statunitense, Anthony Fauci, le vacanze di Natale contribuiranno significativamente alla diffusione del virus. I viaggi che molte famiglie sono in procinto di compiere saranno un problema a livello di contagi, e l’immunologo non ha utilizzato giri di parole per spiegarlo:

«Non c’è dubbio su questo, questa variante ha una straordinaria capacità di diffusione e già sta infuriando ovunque».

Variante Omicron, il consiglio di Fauci per gli USA

In Europa molti Paesi, tra cui l’Italia, stanno correndo ai ripari: restrizioni ai viaggi dall’estero, misure di prevenzione al contagio e – soprattutto – intensificare le campagne di vaccinazione. Quest’ultimo punto è fondamentale, perché i ricercatori hanno affermato che la dose booster potrebbe fornire circa l’85% di protezione contro le malattie gravi causate dalla nuova variante.

Negli Stati Uniti, invece, non è stata introdotta nessuna nuova misura al momento, anche se gli ospedali stanno tornando ad essere in affanno.

Il virologo ha così commentato la situazione oltreoceano:

«Quando ci sono così tante infezioni, anche se meno gravi, i nostri ospedali saranno comunque molto stressati, anche perché sono ancora in tanti a non essere vaccinati».

Variante Omicron, Fauci incoraggia a farsi somministrare la terza dose

Il dottor Anthony Fauci ha chiuso la sua intervista alla NBC sottolineando l’importanza del vaccino, e della terza dose in particolare data la situazione Omicron.

La raccomandazione è poi quella di utilizzare sempre mascherine, guanti e mantenere una corretta igiene.

«La differenza tra una persona vaccinata con terza dose che ha un’infezione e qualcuno che ha un’infezione ma che non è mai stato vaccinato è enorme per quanto riguarda il rischio di gravità. Stiamo vedendo alle nostre spalle un’ondata di Omicron in arrivo. I completamente vaccinati stanno molto meglio, la protezione ottimale è quella che dà la dose di richiamo».

Contents.media
Ultima ora