10 hotel infestati dove trascorrere Halloween

10 hotel infestati dove trascorrere Halloween

Viaggi

10 hotel infestati dove trascorrere Halloween

Hotel spettrale
Camera dell'Hotel Burchianti a Firenze.

10 hotel spaventosi dall’Italia alla Malesia passando per Stati Uniti e Canada, che si possono visitare per festeggiare Halloween che ormai è alle porte. Sono infestati da fantasmi

La Festa di Halloween è ormai alle porte e sarebbe divertente trascorrerla in uno spaventoso hotel. Conosciamone dieci, che si trovano non solo in Italia ma anche in altri Paesi del mondo: potrebbero fare al caso nostro.

Hotel Burchianti a Firenze

Hotel italiano

Nella meravigliosa cornice di Firenze, ad esempio, si trova l’Hotel Burchianti, considerato uno dei luoghi più spaventosi del capoluogo toscano. Frequentato da artisti e poeti negli Anni Trenta, oggi “regala” sempre la sensazione di essere osservati: ci sono i fantasmi? Secondo alcuni, sì: per esempio quello di una donna seduta a lavorare a maglia o quello di una donna delle pulizie che, secondo la prassi, inizia a lavorare al mattino presto, disturbando chi si è avventurato nell’hotel. C’è una stanza particolarmente da brivido, la Fresco, dove alcuni testimoni hanno pernottato, avendo la sensazione di essere osservati da qualcuno durante la notte e avvertendo, sotto le coperte, un gelido e misterioso sospiro in faccia.

Il Castello di Dragsholm a Odsherred, in Danimarca

Castello danese

Il Dragsholm Slot, questo è il nome del castello, è un edificio che risale ad 800 anni fa.

Rappresenta uno dei posti più belli e suggestivi sulla costa del Paese scandinavo ed è considerato il castello più infestato d’Europa. Venne restaurato negli Anni Trenta, periodo in cui gli operai scoprirono in quel luogo uno scheletro vestito di bianco. Ci sono tre “ospiti fissi”, tre fantasmi: quello della Grey Lady, che si adopera ad aiutare i clienti a disfare le valigie, quello del conte scozzese di Bothwell, che cavalca nel cortile, e quello della White Lady, un’aristocratica fanciulla segregata dal padre per sempre nella propria stanza, per aver “osato” innamorarsi di un semplice dipendente del palazzo.

Alcuni degli alberghi ideali per festeggiare Halloween, si trovano negli Stati Uniti e in Canada, dove notoriamente tale festa di origine celtica è sempre molto sentita. Il primo di cui vogliamo parlare, è il Queen Anne a San Francisco.

Per Halloween

Nato in epoca vittoriana come scuola per sole ragazze, la Mary Lake’s School, oggi esso è un hotel/B&B, dove dimorerebbe il fantasma di Miss Mary Lake, direttrice del vecchio istituto scolastico.

Contro la volontà della donna, ad un certo punto l’edificio venne venduto, ma lei rimase per sempre lì, nella stanza 410, suonando il pianoforte. Si dice che lo spettro dorma con gli ospiti dell’hotel.

Lo Stanley Hotel, in Colorado

In America

Si tratta di un enorme resort, che ha ispirato il romanzo “The Shining” di Stephen King. Al quarto piano, durante la notte, vengono udite ridere e correre alcune ragazzine, ma si tratta di fantasmi. Come fantasmi sono quelli che si divertono nella sala da ballo durante la notte.

The Queen Mary a Long Beach, in California

Nave spettrale

E’ il grande relitto di una nave da crociera di lusso, utilizzata per viaggi transatlantici soltanto dal 1936 al 1939, e poi come nave militare durante la Seconda Guerra Mondiale. Oggi è un albergo: vi si può pernottare ed andare a caccia di fantasmi, soprattutto la notte.

The Fairmont Le Château Frontenac a Quebec, in Canada

Hotel canadese

E’ un antico castello situato nella parte vecchia della città, diventato patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Qui, nel 1698, il governatore della New France, Louis de Buade de Frontenac, sarebbe morto di dolore per aver lasciato la sua amata moglie a Parigi: ancora oggi alcuni ospiti del castello – hotel giurano di aver visto il fantasma del uomo politico vagare in cerca della donna.

The Tequendama Falls Hotel a Bogotà, in Colombia

Hotel dei Suicidi

E’ l’ex Hotel del Salto, un hotel di lusso aperto nel 1928 nella periferia della capitale colombiana, 157 metri a picco sulla vallata e le cascate del Tequendama Falls. Attratti da quel meraviglioso scenario, lo frequentavano anche facoltosi clienti internazionali. Successivamente, però, le acque del fiume vennero contaminate e il fatto che in questo luogo fossero avvenuti molti suicidi – tanto da farlo ribattezzare l’ “Hotel dei Suicidi” -, fece scomparire i turisti. Ma oggi è un luogo speciale per i cacciatori di fantasmi, i fantasmi delle persone che si sono tolte la vita, gettandosi dallo strapiombo. In rovina da 20 anni, nel 2012 l’ex albergo venne completamente ristrutturato e trasformato in una sorta di meraviglioso museo del suo passato.

Non vi si può trascorrere la notte, ma visitarlo è comunque affascinante – anche perchè non ci sono più pericoli legati all’acqua –

In Australia

Anche in Australia ci sono alcuni spaventosi hotel. In Tasmania, per esempio, troviamo il Port Arthur Motor Inn, un ex carcere simile ad un manicomio, nel quale si avvertirebbero strane presenze anche più volte durante la notte.

Ex carcere

Poi c’è il The Russell Hotel a Sydney: situato nel The Rocks, quartiere più antico della città, era stato un luogo di riposo per marinai ed in seguito un lazzaretto durante l’epidemia di peste peste bubbonica diffusasi all’inizio del XX secolo. L’albergo sarebbe stato trasformato in un lussuoso Bed & Breakfast, in cui tuttavia sarebbe rimasto il fantasma di un marinaio che avrebbe alloggiato nella stanza 8 e ora farebbe compagnia ai villeggianti durante la notte.

Sempre per Halloween

In Malesia

Hotel colorato ma per Halloween

Infine spostiamoci nel continente asiatico e precisamente al First World Hotel sulle Genting Highlands, in Malesia.

Si tratta di un immenso resort da 6.118 stanze sulla cima delle Titiwangsa Mountains. Si affaccia sulla foresta tropicale ed è dotato di un centro commerciale, di una sala da bowling, di un casinò e di un parco tematico. In più sarebbe popolato da fantasmi inquieti durante la notte, quelli dei giocatori d’azzardo suicidi dopo aver perso tutto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche