Come aggiustare l’amplificatore della chitarra

Guide

Come aggiustare l’amplificatore della chitarra

Come aggiustare l'amplificatore della chitarra
Come aggiustare l'amplificatore della chitarra

Uno dei fastidi più grossi per chi suona la chitarra è quello di aggiustare l’amplificatore. Vediamo come fare con questa guida.

Ecco i vari passaggi da seguire per riparare l’amplificatore della chitarra.

Innanzitutto potrebbe essere necessario sostituire un fusibile o il trasformatore. Certo, non sono operazioni esattamente facili da eseguire, ma con un po’ di attenzione e con un po’ di manualità potete tranquillamente riuscirci.

Poi si deve controllare se tutti i voltaggi, soprattutto delle sezioni in uscita, sono settati correttamente. Per fare questo, come prima cosa Scollegate tutti i fili e lasciate raffreddare l’amplificatore per circa 10 minuti. Studiate bene nel frattempo lo schema del circuito amplificatore come illustrato sul libretto informativo. Utilizzate lo schema di cablaggio per darvi un riferimento e scrivete con dei pennarelli un codice per le diverse parti, come appaiono sullo schema stesso, per facilitarvi poi quando sarà l’ora del rimontaggio. Fatto questo, svitate la custodia del telaio e staccate le spine dei cavi.

Ora vi apparirà il circuito interno, che potrete andare a testare.
Collegate una sonda a multimetro nel primo resistore, che è quello più vicino all’alimentatore. La resistenza di lettura in ampere dovrebbe essere uguale alla quantità di corrente in volt che poi va divisa per il valore della stessa resistenza. Per esempio: un resistore da 10 Ohm in un circuito di 14 volt fornisce una lettura di 1,4 ampere.

Rimuovete con molta delicatezza le parti difettose, una volta trovate, senza danneggiare quelle adiacenti. Se la resistenza fornisce una lettura superiore a cinque per cento della varianza complessiva, vuol dire che è difettosa. Se invece dà una lettura pari a zero, significa che sono presenti dei circuiti bruciati. Sostituite la resistenza scollegando i piedini del connettore basandovi sulla scheda di circuito. Mettete nella base un dispositivo di potenza identica nel foro di assemblaggio, saldandolo con delle viti adeguate, ben ricoperte da materiale isolante.
Fissate ora anche i cavi pendenti.

Se ne individuate qualcuno allentato o mal collegato, riparatelo come riportato sulle istruzioni. Mettete in sicurezza infine il collegamento con un saldatore.
A questo punto, rimontate tutte le diverse componenti nelle giuste posizioni. Ricollegate l’amplificatore alla presa di corrente e accendetelo per verificare se l’avete aggiustato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Modestino Picariello 733 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+