Beatles: Love me do, il singolo che cambiò il mondo compie 50 anni. - Notizie.it
Beatles: Love me do, il singolo che cambiò il mondo compie 50 anni
Cultura

Beatles: Love me do, il singolo che cambiò il mondo compie 50 anni

Oggi, 05 ottobre, è il 50° anniversario di Love me do, primo singolo dei mitici Beatles.

Era un venerdì, proprio come oggi, quando i negozi di Liverpool furono invasi da quello che sarebbe stato uno dei ritornelli più conosciuti e amati del mondo: «Love, love me do. You know I love you, I’ll always be true, So please, love me do».

La copertina di Love me do

I quattro “scarafaggi”, John Lennon (voce, chitarra ritmica), Paul McCartney (voce, basso),George Harrison (voce, chitarra solista) e Ringo Starr (batteria, voce) non erano proprio degli sconosciuti (avevano già mosso i primi passi in un locale al numero 64 di Große Freiheit, una laterale della Reeperbahn, la via a luci rosse del quartiere di St. Pauli), ma erano ancora lontanissimi dalla vetta del successo (pochi avevano sentito parlare dei Fab Four).

Dunque, nessuno in quel giorno di ottobre avrebbe detto che quel 45 giri (con “PS I love you” sul retro), avrebbe segnato la storia della musica (e non solo). O forse qualcuno su quei ragazzi ci aveva già scommesso.

Come viene rivelato da Joe Flannery e da Billy Kinsley dei Merseybeat, in un documentario che verrà trasmesso da Bbc Four domenica, il manager dei Beatles Brian Epstein acquistò lui stesso 10mila copie del disco per garantirne il successo discografico.

Il discutibile stratagemma diede i suoi frutti: Love me do si piazzò al diciassettesimo posto delle classifiche britanniche (l’hit parade era guidata da Cliff Richard) e da quel momento, niente fu più lo stesso.

Erano gli anni della guerra fredda e dell’assassinio di John F. Kennedy, ma la voglia di cambiamento era nell’aria: il desiderio di pace si trasformò in fermento tra i giovani e, in pochi anni, al ritmo di Love me do e della musica dei Beatles, tra una contestazione ed una rivoluzione nacquero nuove idee e nuovi ideali.

Francesca

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche