Champions League, Monaco-Juventus 0-2: finale prenotata? Ecco le pagelle

Calcio

Champions League, Monaco-Juventus 0-2: finale prenotata? Ecco le pagelle

Champions League, Monaco-Juventus 0-2: finale prenotata? Ecco le pagelle
Champions League, Monaco-Juventus 0-2: finale prenotata? Ecco le pagelle

È stato un Monaco veloce ma immaturo. Decisiva la doppietta di Higuain su assiste di Dybala. Il ritorno, fra 6 giorni allo Stadium.

Una Juventus affamata, concreta e sicura di sè. I bianconeri fanno piazza pulita, in casa del Monaco e siglano la vittoria con due perle del Pipita, frenando le giovani ambizioni della squadra di Jardim e ipotecando un biglietto in prima classe per Cardiff.

A fare la differenza? La chirurgica organizzazione difensiva della Juve e la classe della rosa bianconera. Buffon è stato, ancora una volta, impeccabile; Dani Alves, un magnifico rifornitore; Higuain un killer senza pietà. Il bilancio, per la compagine di Allegri, è di 621 minuti di imbattibilità. E se il Monaco è stato veloce e frizzante, la Juventus sì è dimostrata cattiva e inquadrata.

Martedì prossimo, a Torino, sarà sufficiente giocare con la consueta attenzione. Obiettivo difesa del vantaggio e posto in prima fila nella finale di Champions.

Ecco le pagelle di Monaco-Juventus 0-2

Monaco

SUBASIC: 5,5 – Non serra bene la porta sul secondo gol di Higuain. Ciò nonostante, evita un passivo ancora più ampio.

DIRAR: 6,5 – Sebbene non sia il suo ruolo, sì è adattato, spina nel fianco sulla fascia destra.

Cross al vetriolo. Uno dei pochi che si salva.

GLIK: 5,5 – Sbaglia quasi nulla, nel primo tempo. Ma nella ripresa, affonda. Svagato.

JEMERSON: 6 – Non ha colpe sui gol subiti.

SIDIBE: 5,5 – Non stava bene e ricopriva una fascia non di sua competenza. Di poca spinta e di grande sofferenza.

FABINHO: 5 – Che delusione! Un fantasma di nessun aiuto.

SILVA: 6,5 – Quando ha la palla, è una gioia per gli occhi. Non delude. Peccato parli al muro (dall’82’, TOURE sv).

BAKAYOKO: 4 – Non è su Higuain, nel gol dello 0-1; e si perde il pallone dello 0-2. Ha toccato il fondo (dal 66’, JOAO MOUTINHO: 6 – Smista palloni, ma meritava più spazio).

LEMAR: 5 – Evanescente. Rari guizzi e un’infinità di palloni persi (dal 67’, GERMAIN: 6 – Buffon gli nega la gioia del gol).

MBAPPE: 7 – Prezioso e di gran valore, rapido e tecnico. Un gioiellino. Un pericolo.

Si scaglia con vigore contro la corazzata Juventus senza dolore. Peccato venga servito male.

FALCAO: 5,5 – Solamente uno è il pallone nei guantoni di Buffon. Per il resto, se la passa molto male. La difesa juventina gli ha tarpato le ali.

All. Leonardo Jardim: 5,5 – Ha poche colpe perché, a livello oggettivo, la Juve è su un piano molto più alto. Ci ha provato, ha fatto come poteva. Gli mancano, forse, l’esperienza e quel po’ di freddo cinismo.

Juventus

BUFFON: 7,5 – Riflessi superbi, tempismi perfetti, uscite puntuali. Leggendario.

BARZAGLI: 6 – Ordinaria amministrazione.

BONUCCI: 6,5 – Non parte bene, ma si riprende. In difesa, contribuisce ad alzare il muro. Solido.

CHIELLINI: 6,5 – Poteva essere cartellino rosso in almeno due occasioni. Dalle sue parti, non si passa.

ALEX SANDRO: 6,5 – Indispensabile anello di una catena indistruttibile. Una garanzia.

MARCHISIO: 6,5 – Arranca all’inizio, poi decolla e assume il controllo delle operazioni (dall’81’, RINCON sv).

PJANIC: 6 – Qualche errore di troppo e un po’ sottotono.

Attore non protagonista (dall’89’, LEMINA sv).

DANI ALVES: 8 – Un incanto: colpo di tacco e cross per la doppietta di Higuain. Marotta ha avuto fiuto.

DYBALA: 7,5 – Da un suo colpo di tacco, scaturisce la prima rete. Ed è determinante nell’azione del secondo gol.

MANDZUKIC: 7 – Un artista in copertura e nei rilanci d’azione. Mostruoso in entrambe le fasi di gioco.

HIGUAIN: 8 – Dopo sette partite di astinenza, si sblocca in Champions con due capolavori d’autore. Lo stavamo tutti aspettando al varco (dal 77’, CUADRADO: 6 – Sfiora lo 0-3 nel finale).

ALL. Massimiliano ALLEGRI: 7,5 – Uno stratega imparagonabile. Smuove il gioco cambiando le carte in tavola con una sorprendente difesa a tre. Aveva ragione. Juventus tatticamente ineguagliabile, cinica e spettacolare. Se resta sul pezzo, la pratica Monaco può essere archiviata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche