Chiesa Madonna delle Vigne, Trino: luogo abbandonato piemontese COMMENTA  

Chiesa Madonna delle Vigne, Trino: luogo abbandonato piemontese COMMENTA  

La Chiesa Madonna delle Vigne

La Chiesa sconsacrata del SS. Nome di Maria detta Madonna delle Vigne – che fa parte del complesso medievale dell’abbazia di Santa Maria di Lucedio, “Luce di Dio” o forse “Dio di Luce”, ovvero Lucifero – situata a Trino, in provincia di Vercelli, gode di una certa fama tra i luoghi abbandonati piemontesi, perché legata a moltissimi misteri e leggende. Nel 2010 è stata anche protagonista di una puntata di un programma televisivo intitolato Mistero, condotto da Marco Berry, presentatore ed illusionista.

Leggi anche: I paesi abbandonati dopo il sisma


Vi sono leggende che parlano di oscure cripte, di cadaveri mummificati di abati seduti su troni messi in cerchio, di fiumi sotterranei e di una colonna che “piange” a causa degli orrori dei quali sarebbe stata “testimone”. Interessante è soprattutto un affresco famosissimo ma di autore ignoto, che si trova all’interno della chiesa ed intitolato Lo spartito del diavolo; risale forse al Settecento e reca lo stemma di una corona, probabilmente dei Savoia. Ha quel nome così sinistro poiché – secondo la leggenda – suonando “lo spartito” al contrario, ovvero da destra verso sinistra e dal basso verso l’alto, si evoca il diavolo all’interno della chiesa. Invece suonando la frase musicale in senso “normale”, il diavolo viene nuovamente rimandato nelle segrete dell’abbazia da dov’era uscito.

Leggi anche: Luoghi abbandonati a Milano, anche vicino al centro storico


La chiesa fu costruita nel 1696 e, per quanto ancora riconoscibile dalla croce posta alla sua sommità, sconsacrata 1784 per decreto papale, dopo una serie di tensioni con la diocesi di Casale per la nomina dell’abate commendatario – colui che ha “in commendam”, cioè in affidamento temporaneo i redditi dell’abazia -. I monaci cistercensi che ci vivevano, ridotti a circa una decina, furono trasferiti a Castelnuovo Scrivia (Alessandria). Tutti i possedimenti passarono sotto il controllo dell’Ordine di San Maurizio e di San Lazzaro fino al 1800 circa, quando arrivò Napoleone. In seguito il terreno fu oggetto di una contesa – a cui parteciparono anche i Savoia – per il suo possesso, per poi essere diviso e acquistato da vari personaggi tra cui Camillo Benso Conte di Cavour.


Ormai da un secolo o forse due, l’edificio religioso che lì si trova con la sua complessa storia, versa in stato di totale abbandono. L’ultima leggenda che lo riguarda, è narrata da un onorevole, Arturo Marescalchi, nel 1916: nella chiesa sarebbe sepolta un’antica regina, che si nascondeva nei boschi di Lucedio per sfuggire al padre ed ai soldati, non si sa per quale motivo. Per non farsi catturare, la sovrana fece miracolosamente aprire un fosso che la separasse dagli inseguitori ed in quel luogo esiste effettivamente un fosso: è chiamato appunto Fosso della Regina, è situato a ponente rispetto alla Madonna delle Vigne e si dice che la regina fosse stata sepolta nella chiesa.

L'articolo prosegue subito dopo


[Gallery]

1 / 5
1 / 5
  • La Chiesa Madonna delle Vigne
  • Turisti davanti alla chiesa
  • Particolare dell'esterno della chiesa da vicino
  • Lo "Spartito del Diavolo"
  • On. Arturo Marescalchi

 

 

 

Leggi anche

Nicaragua spiagge: dove andare
Viaggi

Nicaragua spiagge: dove andare

Volete conoscere un vero paradiso terrestre con mare e spiagge da sogno oltre ai laghi tropicali e alle foreste pluviali? Allacciate le cinture e iniziate questo viaggio in Nicaragua! Le spiagge del Nicaragua sono tra le più belle del mondo e non deludono affatto le aspettative. Vediamo quali sono le più belle! Il Nicaragua è il paese più grande dell'America Centrale e il nome deriva dalla sua posizione geografica. Infatti, nella lingua indigena, "Nicaragua" significa "circondato da acqua". A bagnare questo paradiso sono infatti l' Oceano Pacifico, il Mar dei Caraibi e il lago del centro America. A rendere ancora Leggi tutto

4 Commenti su Chiesa Madonna delle Vigne, Trino: luogo abbandonato piemontese

  1. Gent.ma Alessandra,
    sono veramente compiaciuto del fatto che sia una mia lettrice, però credo che la mia ricerca che può trovare qui.
    http://www.piemontefantasma.com/2016/02/01/la-chiesa-di-madonna-delle-vigne-la-vera-storia/
    non sia stata letta nella maniera corretta..
    Innanzitutto come avrà sicuramente visto “Tutte le immagini ed il testo compreso nell’articolo sono di proprietà di Piemontefantasma, è vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso scritto dell’autore.” e non mi sembra di aver dato nessun consenso.
    In secondo luogo, il Suo articolo riporta notizie FALSE, fatte di un selvaggio copia/incolla, riporta come vere cose che vengono da me citate ma smentite (e le smentisce anche lei quando scrive, o meglio copiaincolla che la chiesa è stata sconsacrata nel 1784 e risulta attiva nel 1916).
    Riporta inoltre mie supposizioni come cose assolutamente vere (se ha le prove che l’affresco risale al periodo sabaudo la pregherei di condividerle con me).
    Le consiglierei inoltre di leggere anche la seconda parte.
    Credo che sia giusto fare informazione, ma sminuire una ricerca, per me durata mesi, ad un semplice e casuale copia/incolla non mi sembra la strada che un giornalista dovrebbe intraprendere.
    Chiedo pertanto la rimozione dei contenuti dell’articolo o la citazioni delle fonti correggendo le informazioni false e contraddittorie
    Grazie in anticipo

  2. Gent.ma Alessandra,
    sono veramente compiaciuto del fatto che sia una mia lettrice, però credo che la mia ricerca non sia stata letta nella maniera corretta..
    Innanzitutto come avrà sicuramente visto “Tutte le immagini ed il testo compreso nell’articolo sono di proprietà di Piemontefantasma, è vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso scritto dell’autore.” e non mi sembra di aver dato nessun consenso.
    In secondo luogo, il Suo articolo riporta notizie FALSE, fatte di un selvaggio copia/incolla, riporta come vere cose che vengono da me citate ma smentite (e le smentisce anche lei quando scrive, o meglio copiaincolla che la chiesa è stata sconsacrata nel 1784 e risulta attiva nel 1916).
    Riporta inoltre mie supposizioni come cose assolutamente vere (se ha le prove che l’affresco risale al periodo sabaudo la pregherei di condividerle con me).
    Le consiglierei inoltre di leggere anche la seconda parte.
    Credo che sia giusto fare informazione, ma sminuire una ricerca, per me durata mesi, ad un semplice e casuale copia/incolla non mi sembra la strada che un giornalista dovrebbe intraprendere.
    Chiedo pertanto la rimozione dei contenuti dell’articolo o la citazioni delle fonti correggendo le informazioni false e contraddittorie
    Grazie in anticipo

    • Buongiorno Fabio,

      mi scuso sinceramente degli errori: vedo se è possibile rimediare.
      Cordiali saluti.

    • Buongiorno Fabio, l’articolo dovrebbe essere a posto adesso. Cordiali saluti. Alessandra

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*