Come trovare la discriminante in un’equazione di secondo grado

Scuola

Come trovare la discriminante in un’equazione di secondo grado

Uno dei problemi per risolvere un’equazione di secondo grado è sapere se l’equazione è risolvibile o meno. La discriminante di un’equazione di secondo grado ti aiuta a sapere in anticipo quante soluzioni reali o zero avrà l’equazione. La discriminante si basa sulla forma dell’ equazione ax^2 + bx + c, dove x è la variabile ed a, b​, c sono i coefficienti. Trovare la discriminante di un’equazione di secondo grado può aiutare a risolvere le equazioni in modo efficiente e veloce.


istruzioni

1. Imposta il coefficiente b. Ad esempio, l’equazione di secondo grado x^2-6x 9 ha un coefficiente di b uguale a 6. Così, il quadrato di 6 è 36.

2. Moltiplicare i coefficienti a e a insieme, e quindi moltiplicare il prodotto per 4. Per l’esempio, il coefficiente è 1 e il coefficiente c è 9. Quindi, 9 moltiplicato per 1 è 9, 9 moltiplicato per 4 è 36.

3.

Sottrarre il numero ottenuto nella Fase 2 per il prodotto del quadrato b. Per l’esempio, 36 sottratto a 36 è uguale a 0.

4. Confrontare la discriminante per il numero zero. Se la discriminante è maggiore di zero, allora l’equazione quadratica ha due soluzioni reali, se la discriminante è uguale a zero, allora l’equazione ha una soluzione reale, e se la discriminante è minore di zero, allora l’equazione non ha soluzioni. Nell’esempio, la discriminante è uguale a zero, quindi l’equazione ha una soluzione reale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.