Consigli per guidare a Malta COMMENTA  

Consigli per guidare a Malta COMMENTA  

Chiedete ad un maltese circa il modo di guidare sull’isola, e potreste ottenere una risposta ironica come questa: “Beh, tecnicamente dovreste guidare a sinistra, ma quando fa caldo, nel bel mezzo dell’estate, dimenticate destra e sinistra, e guidate nell’ombra”. Comunque vi avvicinate ad essa, la guida a Malta è un’avventura.

L’occupazione britannica dell’isola ha lasciato un retaggio della guida a sinistra, così che sarà la prima cosa a cui un americano o un europeo si dovrà abituare. Il fatto della guida a sinistra non è la parte più difficile; è ricordarsi di guardare prima a destra quando state controllando il traffico ad un incrocio e non deviare automaticamente verso destra, come il vostro istinto vi farà fare, quando vi trovate di fronte ad una situazione inattesa. Una volta che guidate a sinistra per qualche giorno, diventerà un’abitudine.

Sull’isola principale, Malta, ci sono molti più veicoli, e ci sono alcune strade che potrebbero essere chiamate autostrade, nulla a che vedere con un’autostrada interstatale in America. Nelle isole maltesi ci sono circa 350000 persone, e ci sono tante macchine quante sono le persone. Il traffico nelle zone popolari può essere molto congestionato e il limite di velocità è moderato, 50 km all’ora (poco più di 30 mph) o meno nella maggior parte dei luoghi. Non pianificate di raggiungere qualsiasi luogo in fretta.

Nelle città, le strade possono essere molto strette e le persone tendono a parcheggiare ovunque si possa trovare un angolo, legale o meno. Siate pronti a rallentare spesso e aspettate che il traffico in senso opposto passi per poter evitare l’auto parcheggiata sulla vostra corsia. Ci sono molti pedoni, tenete gli occhi aperti per vedere le persone che attraversano la strada o camminano nella strada perché ci sono alcuni ostacoli sui marciapiedi o non esistono del tutto i marciapiedi. Troverete un bel po’ di strade a senso unico, ma i maltesi fanno un buon lavoro di segnaletica stradale. La segnaletica direzionale è abbondante e precisa. La segnaletica è scritta in inglese e talvolta in maltese, con l’inglese britannico piuttosto che quello americano. Ad esempio la rampa che lascia il molo dei traghetti è identificata con “way out” piuttosto che con “exit”.

Se prendete il traghetto per Gozo e guidate su quell’isola, siate pronti a strade ad una corsia, dove solo una macchina può attraversarla. In genere, non si trovano segnali di dare la precedenza o di diritto di passaggio alla fine del tratto stretto, così non vi resta che guardare se c’è qualcun altro in arrivo e procedere con cautela. Guarderete stupiti  come autobus e camion di grandi dimensioni riescano ad andare giù per le strade, dove sembrava impossibile che potessero passare, ma che in qualche modo ci sono riusciti. Troverete alcune strade che sembra che ci siano più toppe di una superficie stradale, ma il governo sta lavorando per migliorarle, e quindi troverete anche alcune zone di costruzione e chiusura strade.

L'articolo prosegue subito dopo

Gli europei utilizzano un piccolo disco orario visualizzato sul cruscotto per indicare quanto tempo sono state parcheggiate in un’area di parcheggio a tempo. Se affittate un’auto, accertatevi che ne abbia uno. Il normale tempo di parcheggio limitato è dalle ore 8:00 alle 01:00. La maggior parte delle imprese maltesi chiudono a mezzogiorno e riaprono alle 16, ma il tempo di parcheggio limitato è il più delle volte solo per le ore del mattino. Prendete il volante, mettete la freccia al momento di lasciare l’auto e la vigilessa può controllare per essere sicura che non avete superato i limiti di tempo consentiti.

Vedrete che i maltesi tendono a guidare molto velocemente e che non esiteranno a passare in posti strani se non vi starete muovendo abbastanza velocemente da soddisfarli. Non seguite il loro esempio. Prendete il vostro tempo, guidate lentamente, e avrete un sacco di spazio per fermarvi se si verifica qualcosa di inaspettato. Guidare lentamente vi darà anche il vantaggio di godersi il paesaggio maltese, con bellissime viste sul profondo blu del Mediterraneo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*