Denis Mukwege difensore dei crimini contro le donne, abbandonato dalla comunità internazionale

Cultura

Denis Mukwege difensore dei crimini contro le donne, abbandonato dalla comunità internazionale

Denis Mukwege nasce nella Repubblica Democratica del Congo ( 1 marzo del 1955), dopo la laurea in medicina ( in Francia si specializza in ginecologia ) torna nel suo paese e fonda l’ospedale di Panzi, dove in tredici anni opera più di 40mila donne violentate e mutilate.

Mukwegw ricorda la prima volta in cui ha visitato la prima donna, era il 1999, la vittima era stata stuprata da alcuni soldati e il suo apparato genitale era stato massacrato dai proiettili. Alla fine di quello stesso anno si ritrovò 45 casi simili.

Secondo il suo racconto nella Repubblica Democratica del Congo lo stupro e il conseguente annientamento della persona, viene considerato come un semplice rapporto sessuale ottenuto con la forza, dunque del tutto normale, leggitttimo e che spesso viene commesso davanti alle famiglie delle vittime.

Mukwege per tutta la sua vita, che ha rischiato parecchie volte – il 25 ottobre del 2012 un gruppo armato entra in casa sua per ucciderlo, uccidendo invece la sua guardia del corpo- , ha cercato di porre e di denunciare la questione delle donne congolesi all’attenzione internazionale, difatti nel settembre del 2012 fa un discorso alle Nazioni Unite.

Eppure il medico è stato costretto ad abbandonare il suo paese, ha già rischiato troppe volte la vita, e le uniche che si sono battute per il suo ritorno in patria sono le donne del suo paese, la comunità internazionale lo ha invece abbandonato.

Non è chiaro il motivo di tanta indifferenza verso le donne congolesi, ma per chi conosce bene Mukwege sa benissimo che non si arrenderà mai.

Castellano Stefania

3 Commenti su Denis Mukwege difensore dei crimini contro le donne, abbandonato dalla comunità internazionale

  1. http://www.change.org/petitions/we-want-2013-nobel-peace-prize-for-doctor-denis-mukwege

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche